Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questo sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su “Accetto” permettendo il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.

Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità

La sacra via del disimparare – Trovare l'equilibrio tra la ragione della mente e il sapere del cuore - di Frances Ulman

L’esperienza di incontro con lo sciamanesimo di una psicologa clinica

27/06/2023

Articolo tratto da Sacred Hoop, Issue 120 - 2023, pubblicato per gentile concessione. Traduzione in italiano a cura dell'Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico

 

Note introduttive di Luciano Silva

Ricordo una frase del maestro Yoda al giovane Luke Skywalker in un capitolo della saga Guerre Stellari, per riuscirci “devi disimparare quello che hai imparato” nel mentre cerca di estrarre la propria astronave dalla palude con la Forza. Disimparare viene comunemente inteso come “perdere la memoria”, ma nel titolo originale inglese di questo articolo “The sacred way to unlearning”, il prefisso “un” in inglese annulla l’effetto di quanto viene dopo proponendone la negazione. “Undo” lo traduciamo in italiano con “annulla”, ma letteralmente sarebbe “annulla l’effetto di quanto appena fatto”. In questo articolo, la psicologa Frances Ulman racconta come il suo incontro con gli spiriti l’abbia costretta in qualche modo a disimparare, comprendere che lo sciamanesimo non è solo un percorso per i guaritori ma un percorso di "svuotamento" necessario affinché l'universo possa muoversi attraverso di noi.

 

Gli sciamani non sono insoliti in Mongolia. Risalgono a migliaia di anni fa dalle regioni della Siberia, della Mongolia e delle terre vicine. Ciò che è insolito, tuttavia, è che io sono nata negli Stati Uniti, sono di origini europee non indigene e ho un dottorato di ricerca in psicologia clinica. Arrivare qui non è stato un percorso facile. Sono stata folle molte volte. Permettetemi di condividere la mia storia con voi e raccontarvi alcune delle dure lezioni che ho imparato lungo la strada. Forse condividendo la mia storia salverò gli altri dal mio destino. Stavo lavorando nel mio studio privato quando sono stata chiamata dagli spiriti. Questo è stato uno shock, poiché tali esperienze non erano contemplate nel mio corso di laurea. Per molti anni sono stata privata di questa svolta inaspettata nel mio percorso. La mia privacy iniziale derivava in gran parte dal non sapere come raccontare la mia storia. Non ho mai messo in dubbio la mia sanità mentale quando gli spiriti hanno iniziato a parlarmi, ma in fondo ero imbarazzata. La cultura da cui provengo mi ha insegnato a percepire la realtà all'interno di una lente ristretta. La cultura che mi ha cresciuta è spesso associata a rispettabili persone europee non indigene. Per mettere a fuoco questa cultura, sto parlando di quella che realizza programmi TV come Friends e ha una storia di schiavizzazione di milioni di persone da secoli. Da questa particolare lente culturale mi è stato insegnato che ci sono diverse categorie: "sano e folle", "razionale e irrazionale", "pazienti che sono malati" e "medici che curano". Ho preso tutto questo per vero come la legge di gravità. Solo ora, guardando indietro dopo anni al mio percorso meno convenzionale, posso vedere quanto ero rimasta intrappolata nelle storie di ciò che mi circondava.

Passare da un'identità costruita su "Sono uno psicologo" a sentire improvvisamente delle voci è stata una situazione piuttosto difficile. Mi sono trovato dalla parte sbagliata dei ruoli che la mia cultura ha creato. All'improvviso ero io quello che la mia cultura etichettava come “malato di mente”, eppure sapevo di stare bene. Sperimentare questa dissonanza cognitiva a un livello così profondo è stato l'inizio del mio apprendimento. La vita trova dei modi inattesi per sradicare ciò che sembra più solido dentro e intorno a noi, non è vero? Seguendo il richiamo degli spiriti, la mia vita ha cominciato a dissolversi. Ho lasciato la mia professione e il mio matrimonio è finito. Io e il mio compagno ci amavamo profondamente, ma lui era un matematico e ci consideravamo "esseri razionali". Non c'era più posto per me in quella vita.

Gli spiriti mi guidarono rapidamente in avanti. Mi spostavo costantemente da un posto all'altro. I miei agenti di viaggio, il mio "Sky Team", hanno inviato il loro itinerario attraverso sogni e visioni. Non è stata una transizione facile per qualcuna che si era affidata al calendario di Google per gestire la sua vita. All'improvviso, invece di sedermi con il mio partner nel nostro giardino, mi sono ritrovata a sorseggiare del tè masala accanto al fiume Gange. Anche se ci sono stati bei momenti nei primi anni, in genere è stato un periodo straordinariamente difficile. Ero sopraffatta dalla mia crescente consapevolezza di altri regni e senza alcun insegnamento che mi aiutasse a capire cosa mi stesse accadendo. Avevo trascorso quattro anni alla scuola di specializzazione studiando il “Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali” o "DSM". Questa è la sacra bibbia della psicologia clinica, ogni possibile diagnosi qui è elencata. Eppure, nessuna delle 947 pagine conteneva un messaggio utile per me in questo nuovo percorso.

E c'era più cambiamento dentro di me che cresceva assieme a queste crescenti connessioni con altri regni. Le lezioni karmiche stavano esplodendo attraverso di me, in modi che solo coloro che hanno sperimentato qualcosa di simile possono capire. Mi sono ritrovata isolata in profondità inimmaginabili, poi in una relazione violenta, poi a vivere a casa dei miei genitori da adulta... il mio incubo. La mia anima ha risposto con lunghi periodi di qualcosa che il mio sé precedente avrebbe diagnosticato come depressione. Sono stata una nave, persa in mare, in tempesta per molti anni.

C'erano due cose che mi tenevano in movimento: il mio molto irritante e supponente Sky Team, che mi guidava in avanti, e un'inestinguibile determinazione dentro di me a continuare. Né carne né pesce, non ero più la scienziata, e non ancora un sacro guaritore. Guaritore sacro è il termine che uso per gli sciamani e simili tipi di anime che sono i guaritori spirituali in altre culture. Nessun percorso, nessuna mappa, portando con me solo una convinzione, avevo perso il mio passato e non avevo la visione di un futuro verso cui muovermi. Ero passata dall’essere infelice a essere scoraggiata.

Poi è arrivato il messaggio dall'alto per me di andare in Mongolia. Mi è stato detto che la mia vita non avrebbe avuto senso per me finché non fossi arrivata lì. Prima di ricevere questo messaggio non avevo pensato di viaggiare in Mongolia che su Marte. Inizialmente ho rifiutato, ma dopo oltre un anno di logoramento, alla fine ho ceduto alla costante pressione da parte loro e ho accettato di andare. Come sono arrivata lì è stata una bella storia, ma questo per un'altra volta. Ho visto gli ultimi fili della mia vita precedente svanire dalla vista nello specchietto retrovisore, mentre mi ritrovavo lì, con un nuovo amico, a sbattere contro il paesaggio senza strade della Mongolia occidentale. Non avevo idea di cosa mi aspettasse. Sapevo solo che la mia visione mi aveva detto di andare da questa parte.

Ora qui è dove ci alziamo completamente dalla mappa conosciuta. Questo non può assolutamente essere dimostrato con nessun "metodo occidentale" di conoscenza. Dopo due giorni di viaggio avventuroso - compreso il secondo giorno di andare a prendere uno zio anziano, uno che ci avrebbe aiutato a trovare la nostra strada - la mia visione è diventata realtà. Abbiamo trovato lo sciamano della mia visione, che è diventato uno vicino mentore fino ad oggi.

Dopo esserci incontrate, ha invitato questa straniera nella sua ger e mi ha messo alla prova per ore. Dopo essere stata rigorosamente messa alla prova, ha confermato che ero uno sciamana di molte vite passate, e anche in questa vita. Abbiamo tenuto la prima, delle tante, cerimonie per me il giorno successivo. Da quel momento diversi rispettati sciamani in Mongolia hanno confermato che sono una sciamana. Fortunatamente per me, le prove che ho dovuto affrontare per raggiungere questo luogo non hanno nulla in comune con le prove sviluppate dalla psicologia clinica; perché a differenza di quelle prove, in queste prove sciamaniche, ascoltare gli spiriti è una risorsa.

Ora sono iniziata in un lignaggio di sciamani e vivo la mia vita su questo sentiero di servizio. Ho mentori sciamani, ma le mie lezioni non vengono da loro. I miei insegnamenti vengono dall'alto. Non c'è lezione, nessun manuale, nessun certificato per i modi in cui faccio quello che faccio ora. Le tradizioni si tramandano da maestro ad allievo, ma la vera formazione viene da altrove. Nessuna scuola potrà mai approssimare il vero percorso. Attualmente il mio Sky Team prepara ancora la mia formazione, poiché trascorro parte del mio tempo in Mongolia, e il resto del mio tempo vivo ancora sempre in viaggio mentre migro attraverso diversi continenti ogni anno. Poeticamente, molte delle persone che mi trovano sono all'inizio del loro viaggio sacro.

Non posso dirti perché ho intrapreso questa strada, così radicalmente contraria alla mia educazione. Certamente una parte della mia anima, che risiedeva lontano dal mio sé cosciente, sapeva chi dovevo diventare, eppure l'io umano è sorpreso da tutto questo come potresti esserlo tu. Questa è la mia storia che condivido con voi.

 

UNO SGUARDO DA UNA CULTURA MALATA

Il motivo per cui condivido questa storia non è per poter fare un grande spettacolo di ego definendomi una sciamana. "Sciamano o sciamana" è solo una parola di una terra, che descrive il tipo di anima che sono. Non ho bisogno di essere chiamata sciamana per conoscere la verità su chi sono. Ovunque trovi umani, troverai sacri guaritori. Non siamo niente di speciale. In Sápmi1 siamo chiamati noaidi, in Groenlandia siamo chiamati angakkoq, e dove sono cresciuta io, siamo chiamati "malati di mente".

Se non cerco riconoscimento o approvazione come sciamana, perché condividere questa storia con te? Condivido la mia storia per essere una luce sul cammino per quelli di voi che provengono da culture incasinate come la mia. Possa la mia storia complicare ciò che la psicologia clinica e la psichiatria pensano di sapere essere reale. Alcune persone con cui mi siedo ora hanno condiviso il mio canale Youtube con i loro psichiatri e terapisti per raccontare loro la mia storia. Usano i miei video per aprire una conversazione con i loro professionisti della salute mentale sulle esperienze che stanno vivendo. Consenti a te stesso di seguire il tuo intuito su ciò che gli altri ti hanno detto che è possibile. Se hai avuto esperienze che vanno oltre la comprensione psicologica, dei tuoi coetanei e anche oltre ciò che sai, non isolarti o ignorarlo. Ciò che provi potrebbe non essere una malattia mentale, ciò che provi potrebbe essere una manifestazione dei tuoi doni e, in tal caso, devono essere coltivati a beneficio di tutti.

Desidero anche che la mia storia riaccenda la luce verso le culture malate in cui molti di noi si trovano. E dato che queste culture sono malate, non sanno come allevare sani guaritori sacri. I miei primi anni in questo viaggio sono stati inutilmente pericolosi perché quelli intorno a me non si rendevano conto di ciò che mi stava accadendo. Ecco un test per vedere se una cultura è malata: una cultura è malata quando non ha guaritori sacri come parte del tessuto della comunità. Nelle culture malate i santi tengono il “Manuale diagnostico dei disturbi mentali”. I nostri veggenti prevedono le azioni. I nostri sacri giorni del calendario vengono sostituiti dai saldi del Black Friday e del Santo Stefano. In queste culture malate ci siamo persi. Ora, con un po' di tempo per riflettere sul mio viaggio, sono venuto a vedere ciò che prima non riuscivo a vedere.

La psicologia clinica e la psichiatria fanno effettivamente parte delle istituzioni della mia cultura, che mantengono così tanti di noi in uno stato di malattia. Quindi consideriamo come la psicologia clinica e la psichiatria giocano un ruolo nel mantenere molti di noi malati. E’ incredibile ma ad oggi la psicologia clinica non ha ancora una definizione di salute mentale. Immaginatevi! La riduzione dei sintomi è nella migliore delle ipotesi lo scopo del loro gioco. È una mappa che può solo indicare la strada sbagliata e dirti di provare a camminare all'indietro da lì per migliorare. È una bussola senza nord. Invece di essere una risorsa per vivere bene, questi campi contribuiscono a diffondere l'illusione che ognuno di noi sia un essere separato, che viva una vita indipendente.

Possiamo vedere quanto sia profonda questa convinzione in noi quando sentiamo le persone dire cose come "la mia ansia" e "ho la mia depressione", come se il problema risiedesse esclusivamente in noi e non nella cultura che ci ha inghiottito. Niente potrebbe essere più lontano dal vero.

Molte altre variabili devono essere considerate anche per una chiara comprensione del funzionamento di una persona. Una teoria funzionale della comprensione della salute mentale deve includere la considerazione di fattori al di fuori del sé, comprese le nostre relazioni con altre persone nella nostra vita, i nostri antenati, la terra e gli spiriti e altri esseri non materiali. Dobbiamo considerare le nostre difficoltà karmiche e il lavoro che la nostra anima ha richiesto in questa vita. E devono essere incluse anche considerazioni materiali, come la nostra capacità di accedere a beni di prima necessità, come acqua pulita e alloggi sicuri e convenienti.

 

UNA PERCEZIONE DEFORMATA

Consideriamo come sono nati questi campi. Questo è il modo in cui possiamo capire perché questi campi sono così carenti nella comprensione di base di cosa significhi essere umani. Ecco alcune verità nude e crude da considerare...

L'introduzione del primo trattore agricolo John Deere e lo sviluppo di quello che consideriamo il campo moderno di psichiatria, sono eventi concomitanti, entrambi all'inizio del XIX sec. Il campo moderno della psichiatria non era affatto moderno, perché a quel tempo, il trattamento standard per le persone che si trovavano malate di mente - o con difficoltà intellettive - era di essere rinchiuse in manicomi dati per pazzi, che erano pieni di orrori inimmaginabili.

Poco tempo dopo, nel 1851, una condizione chiamata drapetomania fu identificata come malattia psichiatrica; questo è stato riscontrato nelle persone schiavizzate e il suo sintomo principale era il desiderio di scappare dalla prigionia. Penso che questo ci dica molto sulla prospettiva dei fondatori della psichiatria moderna. Anche negli anni 2000, ho lavorato in un istituto psichiatrico alla scuola di specializzazione e, sebbene le condizioni fossero meno deplorevoli rispetto ai vecchi manicomi, li trovavo ancora eccezionalmente disumanizzanti, spazi orribili, luoghi in cui nessuna anima sarebbe guarita. Rabbrividisco mentre ricordo qualcosa di ciò che ho visto lì.

Possiamo vedere che lo sviluppo della psicologia clinica e della psichiatria sono miti molto nuovi, con risultato piuttosto negativo. Ciò che questi miti ci danno è la storia agghiacciante di ognuno di noi come essere completamente disconnesso, disconnesso dalle altre persone, dalla terra, dagli spiriti e dalle realtà economiche che ci circondano. Questi miti sono stati scritti da persone che cercano di capire il mondo che li circonda, ma non devono essere confusi con la verità. Sono solo storie, proprio come tutte le storie che noi umani ci siamo sempre raccontati, mentre cerchiamo di capire questo grande grande mistero in cui ci troviamo. I miti, che riflettono i valori della cultura, esistono in tutte le culture. All'insaputa dei creatori di questi miti della psicologia clinica e della psichiatria, tuttavia, c'era il fatto che questi creatori erano intrappolati in un'epistemologia [un sistema di conoscenza e valori] che risaliva a centinaia di anni fa e che era gravemente carente nelle percezioni della realtà, che così tante culture hanno e conoscono ancora oggi.

Possiamo tracciare la linea di conoscenza e valori che ha creato questi miti indietro nel tempo fino all'età dell'Illuminismo, chiamata così in un modo piuttosto umoristico. Si tratta di un movimento - cresciuto soprattutto in Europa durante il XVII e il XVIII secolo - che sopravvaluta gli approcci alla conoscenza riduzionistici, individualisti e razionali. È una visione del mondo che distorce le menti nel vedere il mondo come oggetti inanimati separati, invece che come reti di relazioni sacre. Potrei riassumere questa epistemologia come quella che incoraggia le persone a vedere il mondo attraverso una lente di; 'le cose non sono correlate, le cose non sono sacre, io sono al centro e la mia mente è il mio capitano.' Questa visione della vita mi fa pensare alle fasi di sviluppo di un bambino. In tenera età, un bambino non si rende conto che se gli togli un giocattolo dalla sua vista, esiste ancora. Man mano che un bambino matura, tuttavia, arriva a capire che gli oggetti esistono anche quando sono fuori dalla loro vista. Il bambino apprende quindi che i cinque sensi non sono gli unici modi di percepire il mondo e la sua comprensione della realtà si espande. Per analogia, vedo questa epistemologia dell'"Età dell'Illuminismo", che è ancora un fondamento della percezione della realtà da parte della nostra cultura - come bloccata in una fase che non è completa. La frase [cartesiana] "Penso dunque sono" è pronunciata ignorando i modi più profondi di conoscere, fare, essere e percepire.

Coloro che sono ancora aderenti a questa epistemologia ignorante, non hanno ancora imparato come liberarsi dalle percezioni illusorie che hanno sul mondo, acquisite solo dalla mente pensante razionale. La mente si è evoluta per separare il mondo in oggetti per la sopravvivenza. Con i miei occhi vedo un lampone, e lo raccolgo per mangiarlo. Ma il cuore vede il tutto, e sa profondamente che il lampone è un dono della terra che gli antenati coltivavano, e da mangiare con un senso di gratitudine per il Grande Mistero; il Mistero che pervade tutta l'esistenza materiale e che alla fine mi fa tutt'uno con il lampone, il cielo sopra e i vermi sotto. Oggi sono, e domani il mio corpo non sarà. Ma non è cambiato molto. Sono ancora. Quando le persone sono bloccate nelle loro menti razionali, con il cuore chiuso, non riescono a vedere la vera natura della realtà. Questa è la linea dei sistemi di conoscenza e dei valori che ha deformato così tanto le menti degli europei, che sono stati in grado di giustificare la costruzione di nazioni e l'accumulo di ricchezza attraverso omicidi e furti di terra; costruendo sulle spalle di vite rubate.

La psicologia clinica e la psichiatria sono nate da questi sistemi di conoscenza e valori eurocentrici minoritari a livello globale; e ciò che manca in questi è ciò che chiamerò la "conoscenza sacra". Le menti degli umani che hanno creato la psicologia clinica e la psichiatria non mostrano alcuna evidenza di consapevolezza di fondamentali come l'interconnessione di tutta la vita, la realtà dei regni spirituali e l'importanza di vivere in modo sacro e in armonia con tutti gli esseri; tutto ciò è conoscenza di base in molte altre culture. Questi uomini - ed erano davvero esclusivamente uomini - furono intrappolati dall’epistemologia della loro cultura, e non potevano vedere negli altri ciò che non potevano vedere in sé stessi.

Non per colpa loro, i creatori della psicologia clinica e della psichiatria erano persone dal cuore chiuso e dagli occhi sacri non aperti, e così hanno creato un mito, che ha dato vita al DSM - il Manuale dei disturbi mentali - a loro immagine. Il DSM è il mito di ognuno di noi che esiste separatamente e in isolamento, e non in una rete di relazioni sacre con ogni altro essere vivente. L'epistemologia conta, perché l'epistemologia forma la materia. I pensieri diventano azioni. Tutto è correlato. Un vero guaritore sacro comprende che non esiste un muro che separi il regno immateriale da quello materiale. I veri guaritori sacri sanno anche che non c'è passato. Adesso è tutto qui. Se vieni da una cultura come la mia, abbiamo un lavoro attivo da fare, perché le ingiustizie non svaniscono nella storia. Non può esserci guarigione del sé senza tornare indietro per correggere le atrocità che ancora riverberano nei campi energetici in tutti noi.

Il che mi porta all'inizio della mia storia. Questa stessa "epistemologia del senza vita" è stata radicata nella mia mente quando sono stata chiamata a seguire un percorso sciamanico; e così ho iniziato questo sentiero sacro comportandomi a volte come una sciocca dannata. Ho accumulato oggetti di cui non avevo bisogno, mi sentivo in diritto di ricevere insegnamenti da culture che non erano la mia e avevo pochissimo senso di gratitudine o umiltà. È così imbarazzante quando ci ripenso. In questo continuo percorso di guarigione di me stessa, ora posso riconoscere questo schema troppo spesso in altri in viaggi simili. Per alcuni di noi, anche se incontriamo l'insegnante o la cerimonia giusta, non andiamo da loro nel modo giusto. Ci avviciniamo a loro con avidità e un senso di diritto, perché le nostre menti hanno bisogno di una seria riorganizzazione. Possiamo vedere questa stessa epistemologia incorporata dei senza vita fare la sua comparsa in luoghi come gruppi online e raduni del mondo materiale. Tuttavia, una volta che ci rendiamo conto e ci sintonizziamo con la vista del cuore, è più facile individuare atti flagranti di appropriazione culturale, falsi sciamani e "pretendenti".

Ma andiamo più a fondo, guardiamoci dentro. In modi molto piccoli e sottili puoi relazionarti con quello che sto dicendo? Un vero percorso del sacro ti farà a pezzi e sradicherà tutto ciò che pensavi di essere, per fare spazio a qualcosa che è molto più grande di quanto tu abbia mai saputo potesse essere nascosto dentro di te. Questo non è solo un percorso per i guaritori; questo è un percorso di "svuotamento", necessario affinché l'universo possa muoversi attraverso di te. Ti invito a guardarti dentro con delicatezza. È possibile che all'interno ci siano dei vecchi miti pronti a partire per creare più spazio all'interno? Quelli di noi, specialmente da culture come la mia, cerchiamo di essere noi a guarire le nostre linee familiari, così tutti possiamo causare meno danni agli altri e vivere in armonia con gli altri e la terra. Abbiamo dimenticato chi siamo, ma c'è un modo per ricordare.

 

IL MIO PICCOLO REGALO PER TE

Ecco un piccolo regalo per te. Se ti senti chiamato a intraprendere questo "percorso di disapprendimento", ora è assolutamente tuo e puoi condividerlo liberamente con gli altri. Questo percorso sacro è ingannevolmente facile. Le nostre menti possono cercare i rituali e le cerimonie più elaborati, come se portassero maggiore saggezza, ma nel mio disimparare, ora capisco che molti dei più grandi insegnamenti si presentano nelle forme più semplici. Quindi, se la pratica che condividerò ti sembra troppo facile, per favore non farla.

Permettetemi di iniziare assicurandovi che tutto ciò di cui avete bisogno per intraprendere la pratica è già dentro di voi e che non sono necessari oggetti sacri o potenziamenti. Stiamo disimparando qui. Ho scoperto che man mano che una mente disimpara sempre di più, ricordiamo naturalmente abilità di cui prima non eravamo a conoscenza; abilità come "come fidarsi delle vie del tempo sacro". Nel tempo sacro, gli insegnamenti, gli oggetti, le persone e le cerimonie che dobbiamo avere nella nostra cerchia ci vengono incontro, esattamente nel momento in cui dovevano arrivare. Oggi tutto ciò di cui hai bisogno è il tuo respiro e la volontà di esplorare più a fondo dentro di te.

Si tratta di una pratica della durata di circa venti minuti, svolta giornalmente per trenta giorni. Per iniziare, devi scegliere ogni giorno un momento in cui puoi sederti in silenzio per circa venti minuti, con la tua consapevolezza che riposa dolcemente nel tuo centro energetico del cuore. Puoi sederti più a lungo se lo desideri. Se è troppo doloroso sederti nel tuo cuore, prova a concentrare la tua attenzione altrove, ad esempio dove puoi sentire il sostegno della gravità che ti tiene in connessione con la terra.

Dove sei chiamato a sedere? Forse oggi è meglio sdraiarsi mentre fai questa pratica. Non c'è una risposta corretta. Mi piace iniziare appoggiando la mano sul mio cuore. Iniziamo aprendo lo spazio sacro dall'interno. Inizia ponendo la tua attenzione sul punto che hai scelto per te stesso. Ora invita tutte le energie e gli spiriti di aiuto e guarigione che ti amano, intorno a te. Lascia che il tuo respiro rallenti e diventi profondo. Dopo aver invitato le tue guide a sostenerti, lascia che la tua attenzione si stabilizzi. Mi piace immaginare una calda luce bianca che risplende dentro di me che si irradia verso l'esterno.

Solo per oggi mantienilo semplice. E ora riposa solo con il tuo respiro. È tutto. Niente da fare. Niente da essere. Riposa lì. Possono sorgere immagini, ricordi, suoni o sensazioni. Basta osservarli e lasciarli andare. Continua a riposare delicatamente la tua attenzione dove hai iniziato.

Continua a respirare profondamente.

Quando hai finito, chiudi questo spazio sacro con un momento di gratitudine per le energie e gli spiriti che sono venuti a sostenerti nella tua pratica. Ti prometto che sono lì, anche se non ne eri a conoscenza.

Termina nominando cinque cose per cui sei grato. Più piccoli sono, più incisiva è stata la mia esperienza. Mi piace iniziare esprimendo la mia gratitudine per il dentifricio. Cosa ti viene in mente? Ci sono sempre cose per cui essere grati, anche nei momenti più bui. Il mio Sky Team mi dice che la gratitudine è uno degli strumenti più potenti nell'arsenale di uno sciamano.

Questa pratica è un percorso per iniziare a disimparare, ma le lezioni arriveranno in modo diverso da quelle che possiamo imparare da libri e seminari. Lascia andare le aspettative di intuizioni immediate o di ottenere qualsiasi intuizione. Lascia andare il bisogno di sapere. Lasciati commuovere in modi inaspettati, pratica il ritorno al sacro dentro di te.

Provalo per trenta giorni e ricorda che questo regalo gratuito viene fornito con una garanzia di rimborso.

Per favore, sappi che il percorso di guarigione di ognuno è diverso, quindi ecco alcune cose che alcune persone sperimentano quando iniziano il disapprendimento.

C'è una buona probabilità che tu stia disimparando quando noti che arrivi alle tue pratiche e relazioni già consolidate in modo leggermente diverso. Questo cambiamento spesso avviene lentamente. Potresti sentirti solo un po' più spazioso, sentirti più centrato, sentire meno ego e più umiltà. Potresti essere consapevole di desiderare meno la prossima esperienza e di avere un maggiore senso di fiducia che ciò di cui hai bisogno apparirà, quando ne avrai bisogno.

Forse senti che gli spiriti - il tuo "Sky Team" - con te si avvicinano un po' di più. Questo è un percorso sacro che è qui per ogni essere umano che è pronto a riceverlo. Sei interessato al corso avanzato? In tal caso, incontra regolarmente un albero per quattro stagioni. Imparerai di più nel tuo tempo che trascorrerai insieme all’albero di quanto potresti mai fare anche dalla più grande delle menti umane. Ricorda solo di chiedere all'albero se accoglie studenti e portagli delle offerte per mostrare la tua gratitudine. Scrivi un report, e se vuoi fammi sapere tutto quello che hai disimparato.

Grazie per aver condiviso questo spazio con me.

 

NOTE SULL’AUTRICE

Frances Ulman, PhD, è nata nelle terre attualmente chiamate USA. Dopo aver lasciato il suo lavoro di psicologa clinica, ora vive come nomade, in oltre 250 posti, in molti paesi.

Soggiorna più spesso in Mongolia, Sápmi, USA, e Kalaallit Nunaat (Groenlandia). La sua vita è dedicata allo sciamanesimo e alla conservazione della conoscenza sacra tradizionale, compreso il trascorrere del tempo con altri veri guaritori sacri di molte culture.

E-mail: dropout.psychologist@gmail.com 

Youtube: www.bit.ly/Francis-Youtube

Instagram: @dropout.psychologist

www.linktr.ee/dropout.psychologist

 

NOTE

1: Sápmi è la regione in cui vive il popolo Sámi. La regione si estende su quattro paesi: Norvegia, Svezia, Finlandia e parti della Ru

I contenuti pubblicati in questa pagina sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni. È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione. Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.




Indietro

A tu per tu con la tua Paura - Seminario di Costellazioni Familiari Sciamaniche® con l'integrazione di Somatic Experiencing®.

A tu per tu con la tua Paura - Seminario di Costellazioni Familiari Sciamaniche® con l'integrazione di Somatic Experiencing®.

11-12 Maggio 2024 - Sede Induno

Un seminario esperienziale di Costellazioni Familiari Sciamaniche per affrontare e risolvere le proprie paure con l'integrazione di tecniche di Somatic Experiencing, l'approccio psicocorporeo ideato da Peter Levine per la risoluzione dei traumi e delle esperienze sopraffacenti. 

Chiusura iscrizioni 30 Aprile 2024 o ad esaurimento posti disponibili. 

Per informazioni e iscrizioni

I prossimi eventi

La Guarigione sciamanica: Pulizie energetiche e l'Estrazione delle intrusioni

La Guarigione sciamanica: Pulizie energetiche e l'Estrazione delle intrusioni

2° Modulo - 14° Corso di formazione biennale sciamanesimo 2024-2025

(20/04/2024 - 21/04/2024)

A tu per tu con la tua Paura

A tu per tu con la tua Paura

Seminario esperienziale di Costellazioni Familiari Sciamaniche® con l'integrazione di tecniche di Somatic Experiencing®

(11/05/2024 - 12/05/2024)

Articoli e interviste

Il Tempo del Sogno degli aborigeni australiani - di Luciano Silva

Il Tempo del Sogno degli aborigeni australiani - di Luciano Silva

Spunti e riflessioni da “”The Dreaming” di W.E.H.Stanner

(08/04/2024)

Le varie dimensioni del tempo - di Luciano Silva

Le varie dimensioni del tempo - di Luciano Silva

Uno sguardo oltre Chronos

(04/04/2024)

Camminare un sogno - di Robert Moss

Camminare un sogno - di Robert Moss

Articolo tratto dal blog di Robert Moss - 22 Gennaio 2024 su gentile concessione. Traduzione Associazione Il Cerchio Sciamanico

(30/01/2024)

Gli Spiriti della Natura - Viaggi sciamanici nel Mondo di Mezzo Vol1. - di Luciano Silva

Gli Spiriti della Natura - Viaggi sciamanici nel Mondo di Mezzo Vol1. - di Luciano Silva

Gli Spiriti della Natura - Viaggi sciamanici nel Mondo di Mezzo. Volume 1.

Il nuovo libro di Luciano Silva disponibile in libreria e online - Edizioni Crisalide. 

Costellazioni Familiari Sciamaniche - Storie dai giardini della preesistenza. di Luciano Silva

Costellazioni Familiari Sciamaniche - Storie dai giardini della preesistenza. di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

Edizioni Crisalide 2016.

Social media

Seguici su Facebook  Seguici su Instagram  Seguici su YouTube  Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti riceverai periodicamente, con cadenza mediamente quindicinale, la newsletter dell'Associazione Il Cerchio Sciamanico, con tutte le informazioni necessarie per tenerti sempre aggiornato su attività ed eventi in programma.

Iscriviti qui  >

L' Associazione è membro di:

The Foundation for Shamanic StudiesThe Society for Shamanic Practice

Il Cerchio Sciamanico

 

Associazione Culturale

Via Campagna 80/B

21056 Induno Olona (VA)

Contatti

 

Email: info@ilcerchiosciamanico.it

Tel: 338 183 89 83

Fax: 0332 204 364

Legal

 

P. Iva: 03109910129

Disclaimer

Privacy policy

Website Design