Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questo sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su “Accetto” permettendo il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.

Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità

Ritornare al sacro guaritore - di Robert Moss

La guarigione nei sogni nel tempio di Asclepio

24/03/2020

Articolo tratto dal blog di Robert Moss - 24 Marzo 2020 - su gentile concessione. Traduzione Associazione Il Cerchio Sciamanico

Quando nessun altro rimedio era disponibile, i popoli del mondo greco-romano si rivolse ad Asclepio (Esculapio romano) "il più gentile degli dei per gli umani" e la sua famiglia divina. Stiamo osservando qui un benevolo culto della guarigione attraverso l'incubazione dei sogni che è fiorita per più di mille anni, dall'estremo oriente della moderna Ankara fino all'estremo ovest delle isole britanniche.

La pratica della guarigione di Asclepio inizia come una ricerca. Vai in pellegrinaggio, quando non sei riuscito a trovare altri rimedi per ciò che ti affligge. Viaggia in un centro olistico. Sei purificato e purificato. Tu preghi. Ti vengono mostrate immagini degli dei e prove di ciò che è accaduto prima”. Vedi centinaia, forse migliaia di offerte votive e iscrizioni che descrivono guarigioni che hanno avuto luogo. Questo stimola la psiche, accende l'immaginazione, ti prepara per una grande esperienza nella notte sacra. Gli aiutanti del tempio ti chiederanno dei tuoi sogni, cercando un sogno di invito, notando se il calibro dei tuoi sogni indica che sei pronto per la grande esperienza. Se non riuscissi a produrre un sogno di invito, potresti non essere ammesso al santuario interiore, all'abaton ("luogo proibito") dove cercherai un incontro diretto con la guida sacra e il guaritore.

Il contatto con animali e spiriti animali è una parte vitale di questa tradizione. Il serpente è un alleato curativo primario di Asclepio. C'erano pozzi di serpenti nei santuari di Asclepio e i cercatori di grandi sogni spesso dovevano sfidare i serpenti (non velenosi, ma ancora spaventosi per molti) che strisciavano su di loro nella notte. Nelle testimonianze, la guarigione è stata spesso fornita dall'esperienza di un serpente che lecca o morde o si avvolge attorno a una parte del corpo afflitta.

Incontrerai i cani nel tempio e potresti essere leccato da un cane in una visione di guarigione. Un cane, un secondo alleato animale di Asclepio, è la guida delle anime e custode del passaggio agli Inferi in molte tradizioni, il più amichevole degli animali per l'uomo e un primario "ponte per la natura" in molte vite, antiche e contemporanee.

Possiamo parlare con una certa sicurezza di ciò che accadde nei templi di Asclepio a causa dell'immenso corpus di "testimonianze" di pazienti riconoscenti che sopravvivono. Ne abbiamo una raccolta conveniente e abbastanza esaustiva grazie al lavoro di Emma e Ludwig Edelstein negli anni '40. La seconda edizione è disponibile in un'edizione a volume singolo dalla Johns Hopkins Press.

     Abbiamo le parole delle invocazioni cantate per il sacro guaritore. Il mio preferito è reso in inglese come (trad. italiana):

Guaritore di tutti, vieni benedetto

     Sappiamo che il momento dell'incontro sacro nelle camere di incubazione avveniva in genere non in un sogno del sonno ma nello stato liminale dell'ipnagogia, tra sonno e veglia. Non c'è più un avvincente resoconto dell'esperienza di incontrare il dio guaritore nel crepuscolo come riportato nei “Discorsi sacri” di Elio Aristide: “Mi sembrava quasi di toccarlo. A metà strada tra il sonno e il risveglio, ho percepito che era lì di persona; era tra il sonno e il risveglio. Volevo aprire gli occhi ma ero ansioso che potesse andarsene. Ho ascoltato e ascoltato cose, a volte come in un sogno, a volte come in una visione da sveglio. I miei capelli erano dritti e piangevo di lacrime di gioia e il peso della conoscenza non era un peso ... Solo se ci sei passato puoi sapere e capire. "

 

Guarigione a distanza e sogni condivisi

Uno dei casi più affascinanti di guarigione di Asclepio che ho trovato nelle testimonianze è quello di una giovane donna spartana di nome Arata e sua madre devota, che ha fatto il lungo e spesso pericoloso viaggio al tempio di Epidauro per cercare una guarigione per sua figlia.

Arata, ci viene detto, era υδρωπ, "idropico". Oggi potremmo dire che aveva un edema, un grave gonfiore dovuto all'accumulo di liquidi nelle cavità del corpo. Quando la medicina ordinaria non poteva fare nulla per lei, la madre iniziò il suo viaggio. Deve aver subito la consueta pulizia e purificazione rituale e fatto semplici offerte ai sacri poteri del santuario, comprese le torte al miele per i serpenti di Asclepio.

Sarebbe stata aiutata dai terapeuti - gli aiutanti del dio guaritore - a incubare un sogno di invito e a chiarire la sua richiesta al dio, a beneficio della sua amata figlia. Le sarebbero state mostrate le testimonianze di coloro che erano stati guariti in precedenza e le immagini degli dei, costruendo un clima mentale di aspettative positive. Alla fine, fu introdotta nell'abaton, il recinto interno del tempio, dove sarebbe stata incoraggiata a sdraiarsi su una pelle di animale e ad attendere l'arrivo del dio guaritore nella notte sacra.

Nella notte "Dormì nel tempio e vide il seguente sogno: le sembrò che il dio le avesse tagliato la testa e riappeso il corpo in modo tale che il suo collo penzolasse". Possiamo immaginare come un macellaio potrebbe appendere una carcassa di animale su un amo da carne. Dal collo uscì un'enorme quantità di materia fluida. Quindi la madre abbatté il corpo di sua figlia e rimise la testa sul collo.

Dopo aver visto questo sogno, tornò a casa e trovò sua figlia completamente guarita, in buona salute e di ottimo umore. Sua figlia ha riferito di aver fatto lo stesso sogno.

In questa esperienza selvaggia e primordiale, intravista attraverso alcune righe di un'iscrizione cesellata sulla pietra, vediamo i lineamenti di una pratica di guarigione che va oltre la medicina ordinaria e oltre il tempo e il luogo. Un potere sacro appare al sognatore, in risposta a una preghiera sentita dal cuore. Notiamo che l'esperienza che si sta svolgendo è probabilmente meglio intesa come un sogno lucido che gioca nello spazio liminale tra sonno e veglia. [1]

Il dio di questo sogno è un chirurgo spietato, ma il suo taglio è reale e preciso. Qualcosa che non andava nel corpo di una persona a distanza viene drenato e guarito durante questa operazione. Non solo l'effetto viene trasferito ad Arata, a centinaia di miglia di distanza, ma Arata vede tutto, come se fosse con sua madre e il dio nello spazio sacro.

Abbiamo qui notevoli prove della realtà e dell'efficacia della guarigione remota e del sogno condiviso. Abbiamo la conferma che l'impegno diretto con il sacro è l'ultima risorsa di guarigione. Ricordiamo che anche l'immagine più terrificante - se è autentica e appartiene veramente a noi - può aprire la strada alla guarigione e alla trasformazione, se siamo disposti a stare con essa e lavorare con essa.

Cosa possiamo imparare da questa tradizione per le nostre stesse vite, nel tempo della pandemia? Possiamo trarre coraggio dalla consapevolezza che è sempre disponibile l'aiuto di maggiori poteri. Possiamo costruire un tempio di guarigione nella nostra immaginazione. Nei miei corsi di Active Dreaming viaggiamo spesso in gruppo verso un tempio di guarigione dei sogni. Possiamo praticare l'incubazione dei sogni nelle nostre case e far crescere la pratica di chiedere aiuto a poteri più grandi.

Elio Aristide, un famoso oratore che camminava molto vicino agli dei della guarigione, si rivolse ad Asclepio in questo modo: “Tu nella tua gentilezza e amore per l'uomo, sollevami dalla mia malattia e concedimi la salute necessaria al corpo per servire il scopi dell'anima.” Questo è un modo creativo per invitare l'intervento benigno di un dio di guarigione!

Dal punto di vista di un dio, o un angelo, un essere umano che chiede aiuto per servire "gli scopi dell'anima" deve essere più interessante di uno che sta solo chiedendo dei  cambiamenti centrati sul "Dammi" (come in: "guarisci il mio fegato" o " cura la mia calvizie "- qualcosa che la gente desiderava davvero a Epidauro). Tuttavia, Elio Aristide, in quanto gentiluomo della tarda antichità, non poté resistere a un ulteriore desiderio: "E concedimi una vita vissuta con facilità".

     Quindi abbiamo l'inno omerico ad Asclepio:

 

           Grande per l'umanità, calmante della sofferenza crudele ...

Sei il benvenuto, Maestro. Con questa canzone ti supplico.

 

1. La testimonianza della madre di Arata è stampata in Emma J. Edelstein e Ludwig Edelstein, Asclepio: Raccolta e interpretazione delle testimonianze (seconda edizione, Baltimora e Londra: Johns Hopkins Press, 1998) come n. 423.21.

I contenuti pubblicati in questa pagina sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni. È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione. Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.




Indietro

Corso di formazione su L'Arte del Sognare Sciamanico®

Corso di formazione su L'Arte del Sognare Sciamanico®

2^ Edizione 2024-2025

8 moduli/week end, uno ogni 2 o 3 mesi, per esplorare le tecniche sciamaniche per aumentare la nostra consapevolezza nei sogni, reclamare i loro poteri, aprire portali di guarigione e trasformazione con le nostre guide e maestri spirituali. 

Ultimi posti disponibili.

Partenza 28 Settembre 2024. Chiusura iscrizioni il 31 Agosto o al raggiungimento del numero massimo di posti disponibili. 

Per informazioni e iscrizioni

I prossimi eventi

Sciamanesimo e Genealogia - La Pulizia delle Linee Ancestrali

Sciamanesimo e Genealogia - La Pulizia delle Linee Ancestrali

4° Modulo - 14° Corso di Formazione biennale sciamanesimo 2024-2025

(14/09/2024 - 15/09/2024)

Cerchio Sciamanico per l'Equinozio d'Autunno

Cerchio Sciamanico per l'Equinozio d'Autunno

Equilibrare i Cinque Elementi per preparare il nostro giardino interiore alla semina di nuovi sogni e possibilità

(21/09/2024)

Articoli e interviste

Vardøgr:  Seguire le Tracce del Doppio che Cammina Davanti a Te - di Robert Moss

Vardøgr: Seguire le Tracce del Doppio che Cammina Davanti a Te - di Robert Moss

Articolo tratto dal blog di Robert Moss - 16 Luglio 2024 su gentile concessione. Traduzione Associazione Il Cerchio Sciamanico

(17/07/2024)

Sognare con Palulukon – l’arte del sognare tra gli Hopi per chiamare la pioggia - di Luciano Silva

Sognare con Palulukon – l’arte del sognare tra gli Hopi per chiamare la pioggia - di Luciano Silva

L'importanza dei sogni tra gli Hopi, l'incontro con lo Spirito dell'Acqua e la Danza del Serpente

(03/05/2024)

La visione in sogno del "Sole di Mezzanotte" nel sufismo iraniano - di Luciano Silva

La visione in sogno del "Sole di Mezzanotte" nel sufismo iraniano - di Luciano Silva

Gli stati tra sonno e veglia come luogo di risveglio e iniziazione nella mistica sufi.

(29/04/2024)

Gli Spiriti della Natura - Viaggi sciamanici nel Mondo di Mezzo Vol1. - di Luciano Silva

Gli Spiriti della Natura - Viaggi sciamanici nel Mondo di Mezzo Vol1. - di Luciano Silva

Gli Spiriti della Natura - Viaggi sciamanici nel Mondo di Mezzo. Volume 1.

Il nuovo libro di Luciano Silva disponibile in libreria e online - Edizioni Crisalide. 

Costellazioni Familiari Sciamaniche - Storie dai giardini della preesistenza. di Luciano Silva

Costellazioni Familiari Sciamaniche - Storie dai giardini della preesistenza. di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

Edizioni Crisalide 2016.

Social media

Seguici su Facebook  Seguici su Instagram  Seguici su YouTube  Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti riceverai periodicamente, con cadenza mediamente quindicinale, la newsletter dell'Associazione Il Cerchio Sciamanico, con tutte le informazioni necessarie per tenerti sempre aggiornato su attività ed eventi in programma.

Iscriviti qui  >

L' Associazione è membro di:

The Foundation for Shamanic StudiesThe Society for Shamanic Practice

Il Cerchio Sciamanico

 

Associazione Culturale

Via Campagna 80/B

21056 Induno Olona (VA)

Contatti

 

Email: info@ilcerchiosciamanico.it

Tel: 338 183 89 83

Fax: 0332 204 364

Legal

 

P. Iva: 03109910129

Disclaimer

Privacy policy

Website Design