Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questo sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su “Accetto” permettendo il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.

Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità

Trattamento del trauma dei superstiti dello Tsunami - di Raja Selvam

Resoconto dell'uso efficace dell'approccio psicofisiologico a breve termine al trattamento del trauma, basato su Somatic Experiencing (SE), in uno scenario postdisastro.

26/11/2015

Traduzione a cura dell'Associazione Progetto Somamente. Articolo tratto da www.somatic-experiencing.it e pubblicato su gentile concessione.

Introduzione

Il quadro era devastante. La madre e il padre che piangevano di dolore mentre

tenevano le mani del loro figlio morto, disteso su una spiaggia di Cuddalore, Tamil

Nadu, uno stato meridionale dell'India che ha perso migliaia di vite a causa dello

tsunami del 26 dicembre 2004. Da allora portavo sempre appresso la copia della

rivista India Today con la foto dei genitori nel loro pianto di dolore. E l'avevo con

me quando sono arrivato nel Tamil Nadu con una équipe di 11 specialisti del

trauma, sei mesi dopo lo tsunami, per trattare le vittime. Nel corso delle seguenti

due settimane e mezza abbiamo trattato i sintomi traumatici di più di 200 adulti e

50 bambini, appartenenti a 13 villaggi di pescatori di tre distretti del Tamil Nadu.

Abbiamo tenuto sette presentazioni sul trauma e sulla guarigione, in tamil ed in

inglese, per le persone coinvolte nel lavoro di portare sollievo alle conseguenze

dello tsunami. Ci siamo adoperati affinché tutti gli adulti che abbiamo trattato

fossero intervistati quattro settimane dopo i trattamenti, per valutare se i nostri

trattamenti avevano procurato un sollievo duraturo dei sintomi.

Quello che leggerete nelle prossime pagine è il resoconto dell'uso efficace

dell'approccio psicofisiologico a breve termine al trattamento del trauma, basato

su Somatic Experiencing (SE), in uno scenario postdisastro. I primi risultati

dell'indagine di follow-up, quattro settimane dopo aver ricevuto i trattamenti,

riportavano che la maggioranza delle persone trattate riferiva un sollievo

significativo dei propri sintomi, ben oltre le nostre aspettative.

 

La strategia di trattamento

Sono docente senior dei programmi di formazione di Somatic Experiencing (SE)

tenuti in tutto il mondo (un approccio psicofisiologico al trattamento del trauma,

sviluppato da Peter Levine e reso noto dal suo libro Traumi e Shock Emotivi1 e

mi sono sempre chiesto come si può aiutare le persone a risolvere i sintomi

traumatici nel minor lasso di tempo. Avevamo la possibilità di offrire un solo

trattamento, al massimo due (solo 10% delle persone trattate hanno ricevuto un

secondo trattamento); questa era l'occasione per testare, in uno scenario

postdisastro, la teoria e la pratica della risoluzione dei sintomi traumatici a breve

termine, che avevo affinato in 10 anni d'insegnamento, pratica professionale e

lavoro personale.

I disturbi nelle risposte fisiologiche basilari sono alla base dei sintomi traumatici.

Sembra che la fisiologia (cervello e corpo) dell'essere umano sia programmata per

rispondere, in caso di esperienze sopraffacenti o che attentano alla vita, con una

serie di strategie di sopravvivenza /coping2: costrizione o flaccidità del tessuto

corporeo/cerebrale, alta o bassa sovraeccitazione del sistema nervoso, terrore o la

sua apparente assenza, stress o la sua apparente assenza, e l'intensità o la

debolezza delle risposte difensive, di orientamento, di fuga, lotta, congelamento e

dissociazione, per citare solo le più importanti. Quando quelle risposte fisiologiche

basilari di sopravvivenza e coping (le chiameremo risposte basilari di

sopravvivenza) non sono in grado di gestire la sopraffazione, la fisiologia potrebbe

subire stati estremi di sregolazione, come le convulsioni e gli svariati disturbi del

sistema nervoso autonomo. Nella maggior parte dei casi le risposte basilari di

sopravvivenza e gli stati di estrema sregolazione non perdurano perché, a quanto

sembra, l'essere umano è anche programmato per autoregolare la propria

fisiologia di sopravvivenza verso la salute. Tuttavia quando persistono, per una

ragione qualsiasi, possono diventare fonte di sintomi traumatici assillanti.

 

L'importanza di educare alla psicofisiologia del trauma

I motivi per cui alcune persone guariscono naturalmente dai loro traumi col

tempo, e altre invece no, possono essere svariati. Detto questo, può essere molto

utile discutere quei motivi sui quali possiamo intervenire, per sviluppare una

strategia di trattamento a breve termine che sia efficace. Se i sintomi traumatici

provengono da disturbi in corso nella fisiologia di sopravvivenza, questo lascia

intendere che i centri del cervello basso deputati a riportare il corpo verso la salute

sono sopraffatti; perciò hanno bisogno del supporto o della regolazione interattiva

dai centri del cervello alto e/o dall'ambiente circostante per ritornare sui binari

dell'autoregolazione. Uno di modi per informare il cervello alto è educare i

superstiti del trauma sulla fisiologia del trauma: come si comporta durante un

trauma e come si comporta naturalmente dopo il trauma per guarire. Così, il

cervello alto può fornire il supporto necessario al cervello basso quando questo

non riesce a regolare il corpo per tornare alla salute. Con i progressi della scienza

e della medicina le persone sembrano sempre più scollegate dalla conoscenza delle proprie capacità di autoguarigione, e dalle possibilità di sostenerle. In India, purtroppo, è in aumento

la tendenza a somatizzare le esperienze difficili della vita, per poi cercare il

trattamento medico per risolverlo. Perciò un punto cruciale della nostra strategia

di trattamento è stato educare i superstiti del trauma sulla fisiologia del trauma e

della guarigione affinché potessero trovare la guarigione dei propri sintomi in loro

stessi.

 

L'importanza del tocco nella regolazione interattiva

In aggiunta a questa educazione il tocco è stato utilizzato come una componente

importante del nostro approccio per aiutare a ripristinare l'autoregolazione nella

fisiologia delle persone che abbiamo trattato. Forse il tocco ha avuto un ruolo

ancora più cruciale dell'educazione nella riuscita del nostro approccio al

trattamento a breve termine. Il tocco risulta efficace perché i corpi degli esseri

umani sono progettati dalla natura per regolarsi a vicenda in modo interattivo,

specialmente in tempi di stress, come lo sanno intuitivamente le mamme. E ciò

che è vero per i bambini lo è anche per gli adulti in situazione di sopraffazione.

Una componene della nostra équipe, che ha lavorato di recente con i superstiti

dell'uragano Katrina negli USA, ci ha riferito che l'approccio al trattamento a breve

termine che ha funzionato bene in India con i superstiti dello tsunami ha

funzionato bene anche negli USA con le vittime dell'uragano. Per spiegare come

l'uso del tocco può essere efficace, ci ha riferito il caso dell'ansia di un uomo il cui

paese è stato distrutto dall'uragano. Erano giorni e giorni che non riusciva a

dormire, ma si è addormentato in pochi minuti quando il suo collo ha ricevuto il

sostegno di una mano.

Stabilito che l'educazione ed il tocco erano componenti importanti del nostro

approccio , abbiamo cercato di modificare e stabilizzare la fisiologia delle persone

che presentavano sintomi traumatici, spostandola dai disturbi oppure dalla fissità

su una o più delle risposte basilari di sopravvivenza descritte sopra. Speravamo

che il nostro intervento bastasse a restituire quel tanto di autoregolazione alla

fisiologia per consentirle poi di farsi carico della rimanente guarigione, supportata

dalla maggiore comprensione del processo di guarigione da parte del cliente.

Di seguito presenteremo quattro "case studies" dal nostro viaggio in India per

spiegare il nostro approccio al trattamento, ed il suo risultato nelle diverse

casistiche cliniche.

 

ESEMPI DI TRATTAMENTO

Il pescatore che non vedeva

Alla fine di una presentazione sul trauma un pescatore, che era stato sballotato

dallo tsunami, ha riferito di non riuscire più a tornare in mare per lavorare perché

non vedeva più bene, dopo lo tsunami. Ha anche riferito che i suoi occhi da allora

erano diventati dolorosamente ipersensibili alla luce, per cui gli era difficile stare in

mare. Era stato lì seduto, ad ascoltare la conferenza in lingua tamil sul trauma e

sul concetto che le forze, o le "medicine", necessarie per guarire dai sintomi

traumatici, si trovano in noi stessi. Si è offerto volontario per un lavoro sul trauma

davanti al gruppo, cercando di ottenere un qualche sollievo ai suoi sintomi. Quando si è messo a descrivere quello che gli era successo durante lo tsunami, mentre guidavo la sua attenzione, ha potuto percepire la costrizione, il terrore e la grande sovreccitazione che aumentavano nel corpo. Sempre guidato, ha potuto imparare a scaricare la grande

sovreccitazione del corpo attraverso le estremità (le gambe, le braccia, e anche la

zona della testa e del collo) e a ridurre il livello di terrore, sovreccitazione e

costrizione che sentiva nel corpo. Ho dato un po' di tempo al suo corpo per

sedimentare il primo ciclo, poi ho aiutato il pescatore a lavorare ulteriormente

sulla costrizione dei muscoli del collo e degli occhi: gli ho fatto muovere

volontariamente il collo e gli occhi, e poi osservare come quei movimenti avevano

riportato il terrore e la sovreccitazione nel corpo. Ancora una volta, sotto la mia

guida, ha potuto individuare i segnali di scarica di quella grande sovreccitazione

(come il formicolio e il tremore alle estremità), sostenerli con la sua

consapevolezza, e ridurre il livello spiacevole di terrore e sovreccitazione che

sentiva - invece di subire, impotente, la costrizione dai sintomi ogni volta che il

terrore e la sovreccitazione crescevano nel corpo. Mentre davamo tempo al

secondo ciclo per assestarsi, man mano che scopriva che la costrizione dei muscoli

del collo e degli occhi era diminuita, ha riferito che tutta la sua testa sembrava

espandersi da dentro, da sola; questo è spesso un chiaro segnale di

autoregolazione. Quando gli ho chiesto di guardarsi intorno e notare se qualcosa

era cambiato, ha riferito con sorpresa che non soltanto riusciva a vedere meglio,

ma che non c'era più quel doloroso accecamento quando guardava verso la luce

abbagliante del sole dalla finestra. Ho concluso la seduta insegnandoli di nuovo

come poteva ridurre la costrizione, il terrore e la sovreccitazione che sentiva nel

corpo, attraverso la propria consapevolezza e i movimenti, come aveva fatto per

due volte durante il trattamento. Dopo la sessione è stato proiettato un video di

40 minuti delle tre onde dello tsunami che si sono abbattute sulla città costiera di

Kanyakumari. Finita la proiezione, ho voluto verificare col pescatore se la sua

fisiologia si era mantenuta resiliente, o se era ritornata alla patologia traumatica

durante la proiezione. Lui ha riferito di aver avvertito la sovraeccitazione, la paura

e la costrizione nel corpo man mano che il video andava avanti, ma anche di

essere stato in grado di percepire la scarica della sovreccitazione e la diminuzione

del terrore, senza ritrovarsi nella costrizione impotente. Ha anche riferito che i

sintomi di visione diminuita e di sensibilità alla luce erano aumentati durante il

video, insieme alla costrizione, al terrore ed alla sovreccitazione. Tuttavia mentre

la proiezione andava avanti e dopo la sua fine, man mano che la sovreccitazione si

scaricava insieme al terrore ed alla costrizione, ha ripreso a vedere bene come

prima e la sua sensibilità alla luce abbagliante era scesa allo stesso livello della

fine del suo trattamento. Questo indica una buona prognosi per la risoluzione dei

suoi sintomi.

 

Il fanciullo col cuore che batteva forte

Mentre Jeanne du Rivage, una componente della nostra équipe, si apprestava a

concludere la giornata, un fanciullo le si avvicinò, prese la sua mano e la poggiò

sul suo cuore, pronunciando la parola "tsunami". Il suo cuore batteva

all'impazzata e lui comunicava il suo bisogno di aiuto con gli occhi ed i gesti. Ha

raccontato che suo cuore batteva in quel modo dal giorno dello tsunami. Molto

commossa da questa interazione col ragazzo, Jeanne ha chiesto il permesso per

rimanere più a lungo e lavorare con lui. Con l'aiuto dell'interprete Jeanne l'ha aiutato a normalizzare il battito cardiaco, toccando il petto del fanciullo e insegnandogli come percepire il proprio corpo e come aiutare la scarica dell'elevata sovreccitazione del suo sistema nervoso, attraverso le braccia e le gambe. Il ragazzo era molto ricettivo e sembrava capire il processo

intuitivamente. Alla fine del trattamento la frequenza cardiaca era normale, e lui

era più rilassato e contento.

 

La donna che non riusciva a smettere di piangere

Ho lavorato con una donna che era costantemente sopraffatta dal dolore

straziante, in un villaggio che ha perso 650 vite per lo tsunami. La donna,

sopravvissuta aggrappandosi ad una trave del soffitto mentre l'acqua saliva, aveva

perso tre dei suoi quattro figli. Così sopraffatta dal profondo dolore per il lutto, la

fisiologia del suo cuore era messa a dura prova al punto che avrebbe potuto

innescare un attacco cardiaco fatale, per quella che gli scienziati chiamano la

"sindrome del cuore infranto". Uno dei modi per trovare sollievo a questa

pericolosa pressione è l'esprimere la propria disperazione in cicli interminabili.

Siccome danno un sollievo temporaneo i cicli ripetitivi dell'espressione del dolore a

lungo andare possono portare allo sfinimento della persona.

Quando la catarsi ripetitiva del dolore profondo indica l'incapacità della fisiologia di

tollerare l'esperienza di sopraffazione, può darsi che la persona non sia in grado di

sentire nel corpo il proprio dolore, in tutta la sua intensità, né di tollerarlo. In

questo modo la persona non riesce a raggiungere la sensazione di poter superare

il dolore, o di poter conviverci. Una situazione del genere può portare le persone a

sprofondare nella disperazione e a dedurre che non potranno vivere senza le

persone perse, o che non sopporteranno di vivere col dolore del proprio lutto. La

colpa del sopravvissuto, nella situazione in cui si è sopravvissuto al proprio figlio –

che le persone alle quale è accaduto descrivono come la peggior esperienza della

loro vita – può essere sopraffacente di per sé. La capacità di tollerare l'intensità

dell'afflizione nel proprio corpo porta la persona ad essere consapevole di riuscire

a sopportare, a convivere col dolore ed a superarlo.

Lo scopo del lavoro con quella madre profondamente addolorata era riuscire a

farla stare attenta al proprio corpo, mentre le veniva chiesto di verbalizzare la sua

perdita, il suo profondo dolore, la sua colpa del sopravvissuto. Così facendo poteva

aiutarlo a regolarsi verso un contenitore più capiente per il dolore, quando le

ondate di afflizione la sopraffacevano, la facevano regredire, e la sbattevano in

cicli estenuanti d'espressione di dolore e disperazione. Il lavoro si è composto di

educazione, consapevolezza, movimento, tocco, e una gran dose di empatia. Dopo

la sessione è andata a sedersi in fondo, per riposare e per osservare il trattamento

di altre persone. Nell'intervista di follow-up, quattro settimane dopo, ha riferito di

sentirsi un po' meglio dopo quel trattamento. Questo è un esempio di caso dove

un trattamento successivo sarebbe stato molto utile.

 

Il bambino che non smetteva di ardere

Lucia Ribas, una componente del nostro team, ha trattato un neonato di nove

mesi col tocco. Spesso il tocco, oltre ad essere necessario, è anche molto efficace

per aiutare la fisiologia di bambini traumatizzati a superare il trauma e ritornare

all'autoregolazione. Il neonato aveva tre mesi quando lo tsunami si è abbattuto sul

posto. I genitori – che morirono entrambi – lo misero in un cassetto e

collocarono il cassetto sopra un armadio. Il cassetto ha galleggiato di qua e di là

durante le ripetute ondate dello tsunami. Suo fratello l'ha ritrovato appeso ad un

ramo d'albero dalla maglietta, molte ore dopo, a un chilometro dalla casa

distrutta. Da allora aveva avuto una febbre bassa, costante, con picchi di

temperatura due volte al mese. La zia aveva cercato più volte l'aiuto medico per

questa sua condizione, solo per sentirsi dire che non c'era nulla di sbagliato a

livello fisico che potesse spiegarla. Lucia, che pratica la medicina energetica, ha

scoperto che i comportamenti fisiologici ed energetici dei suoi polmoni e della

parte posteriore del collo erano sregolati. Man mano che questi schemi

cominciavano a risolversi attraverso il tocco, i suoi polmoni passarono da pesanti a

leggeri, ed ha cominciato a respirare meglio. Ha cominciato a ridere, gli occhi ed il

viso si sono ammorbiditi e rilassati.

 

Conclusione

L'esperienza di trattamento dei superstiti dello tsunami in India ha confermato

l'efficacia di un approccio al trattamento del trauma di tipo psicofisiologico a

breve termine, basato su Somatic Experiencing®, al di là delle nostre

aspettative. Le ONG con le quali abbiamo lavorato in India hanno manifestato

un forte interesse in ulteriori formazioni, trattamenti e ricerche relativi a

questo approccio. Trauma Vidya (che significa "conoscenza" in sanscrito) è una

organizzazione non-profit negli USA fondata per svolgere progetti di assistenza

sociale per il trauma, in India ed in altre nazioni.

Chi fosse interessato a dare supporto alle sue iniziative può scrivere a Beth

Nielsen all'indirizzo bethmft@cox.net.

 

 

Note

1 Macro Edizioni (nell'originale: Waking the Tiger - healing trauma: the innate capacity to heal overwhelming

experince - Levine P.A. con Frederick A. - North Atlantic Books)

2 capacità di fronteggiare situazioni difficili; risposta efficace

 

Per informazioni sul metodo Somatic Experiencing:

  • Sito ufficiale di Somatic Experiencing® Italia - Corsi di formazione e operatori certificati in Italia - www.traumahealing.it
  • Pagina dedicata a Somatic Experiencing nel presente sito: Somatic Experiencing 

 

Note sull'autore

Raja Selvam Ph.D.

La sua formazione include psicoterapie a mediazione corporea quali Somatic Experiencing® e Analisi Biodinamica, Psicologia Junghiana e Archetipica, Psicoanalisi Intersoggettiva e delle Relazioni. La sua ampia comprensione della psiche umana è arricchita anche dall'esperienza di Advaita Vedanta, una importante tradizione spirituale indiana. Tiene conferenze ed insegna in molte nazioni.

 

I contenuti pubblicati in questa pagina sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni. È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione. Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.




Indietro

Corso di formazione biennale in Sciamanesimo - Livello 1 - 14^ Edizione 2024-2025

Corso di formazione biennale in Sciamanesimo - Livello 1 - 14^ Edizione 2024-2025

Partenza 17 Febbraio 2024.

Un percorso esperienziale di 8 moduli/week end, uno ogni 2/3 mesi, di crescita personale, di trasmutazione e guarigione, con tecniche di core-shamanism e pratiche apprese direttamente dagli operatori da sciamani, spiritisti e guaritori indigeni

Early bird price per iscrizioni entro il 31 Dicembre 2023.

Chiusura iscrizioni 31 Gennaio 2024 o ad esaurimento posti disponibili. 

Per informazioni e iscrizioni

I prossimi eventi

La coppia, la famiglia attuale, il sesso

La coppia, la famiglia attuale, il sesso

L'equilibrio tra maschile e femminile e la famiglia attuale - 6° Modulo Corso di formazione biennale in Costellazioni Familiari Sciamaniche - 3^ Edizione 2022-2024

(30/09/2023 - 01/10/2023)

Il Viaggio Sciamanico e l'incontro con gli Spiriti Alleati

Il Viaggio Sciamanico e l'incontro con gli Spiriti Alleati

Seminario Base di Sciamanesimo

(14/10/2023 - 15/10/2023)

Articoli e interviste

La sacra via del disimparare – Trovare l'equilibrio tra la ragione della mente e il sapere del cuore - di Frances Ulman

La sacra via del disimparare – Trovare l'equilibrio tra la ragione della mente e il sapere del cuore - di Frances Ulman

L’esperienza di incontro con lo sciamanesimo di una psicologa clinica

(27/06/2023)

Le 9 Chiavi per aprirsi al potere dei Sogni - di Luciano Silva

Le 9 Chiavi per aprirsi al potere dei Sogni - di Luciano Silva

Come risvegliare il sognatore interiore e accedere al potere trasformativo dei sogni

(26/06/2023)

Costellazioni Familiari Sciamaniche - Storie dai giardini della preesistenza. di Luciano Silva

Costellazioni Familiari Sciamaniche - Storie dai giardini della preesistenza. di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

Edizioni Crisalide 2016.

Sciamanesimo e Guarigione - Guarigione dell'anima e metamofosi dell'io - di Luciano Silva

Sciamanesimo e Guarigione - Guarigione dell'anima e metamofosi dell'io - di Luciano Silva

La guarigione sciamanica al servizio dell'anima.

Il primo libro di Luciano Silva, Edizioni Crisalide, 2015. Disponibile on line sulle principali piattaforme anche in versione eBook. 

Social media

Seguici su Facebook  Seguici su Instagram  Seguici su YouTube  Seguici su Twitter

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti riceverai periodicamente, con cadenza mediamente quindicinale, la newsletter dell'Associazione Il Cerchio Sciamanico, con tutte le informazioni necessarie per tenerti sempre aggiornato su attività ed eventi in programma.

Iscriviti qui  >

L' Associazione è membro di:

The Foundation for Shamanic StudiesThe Society for Shamanic Practice

Il Cerchio Sciamanico

 

Associazione Culturale

Via Campagna 80/B

21056 Induno Olona (VA)

Contatti

 

Email: info@ilcerchiosciamanico.it

Tel: 338 183 89 83

Fax: 0332 204 364

Legal

 

P. Iva: 03109910129

Disclaimer

Privacy policy

Website Design