Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questo sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su “Accetto” permettendo il loro utilizzo. Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.  

Coming soon

Corso di formazione biennale in Sciamanesimo - 9^ Edizione - 2019-2020

Inizio 16 Febbraio 2019 - Fine 28 Giugno 2020

Un percorso esperienziale di crescita personale, di trasmutazione e di guarigione, con tecniche di core-shamanism e pratiche apprese direttamente dagli operatori da sciamani, spiritisti e guaritori indigeni.

Early bird price per iscrizioni entro il 31 Dicembre 2018.

Chiusura iscrizioni 31 Gennaio 2019- Posti limitati

>> Maggiori informazioni

Il nuovo libro di Luciano Silva

Costellazioni familiari sciamaniche: un libro di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Le ultime news

La scomparsa di Doña Julia Julieta Casimiro - sacerdotessa mazateca dei funghi sacri
(24/07/2018)

CONVENZIONE PER PERNOTTAMENTI PRESSO L'HOTEL VILLA PORRO PIRELLI
(20/03/2018)

In Memoria di Michael Harner
(09/02/2018)

INAUGURATA LINEA FERROVIARIA DIRETTA LUGANO - VARESE - MILANO
(02/01/2018)

Articoli e interviste

Falsi ricordi, falsi terapeuti e terapie regressive - di Luciano Silva
(28/09/2018)

Uno studio sul recupero dell'anima - di Cheryl Bearman Maddock
(10/09/2018)

La sfida dei "Piccoli Tiranni" - di Luciano Silva
(30/08/2018)

Le Costellazioni Familiari Sciamaniche® per la guarigione dei traumi - di Luciano Silva
(20/07/2018)

Letture suggerite

Sciamanesimo e Guarigione: un libro di Luciano Silva

Il potere è impersonale, è sempre lo spirito a decidere a chi far giungere il suo soffio liberatorio.


Robert Moss - Libri di Active Dreaming in lingua inglese

>> Vai alla bibliografia generale

Articoli ed interviste > Uno studio sul recupero dell'anima - di Cheryl Bearman Maddock

Questo articolo è stato pubblicato in Sacred Hoop Issue 100/2018 su gentile concessione.


Traduzione italiana a cura dell'Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico.


Mi occupo di recupero dell'anima ormai da 25 anni, e la magia che ne deriva non cessa tuttora di stupirmi.

All'inizio della mia pratica, giunse da me un giovane uomo – che chiamerò Phillip – con disabilità fisiche che lo accompagnavano sin dalla nascita.  Era affetto da una forma di nanismo, e nonostante il suo stato di salute fosse buono, era stanco, stufo della sua disabilità. Era sposato e aveva una trentina d'anni. Naturalmente Philip era ben cosciente che un lavoro sul recupero dell'anima non avrebbe influito sulla sua statura, ma sapeva che non stava vivendo la sua vita nel pieno delle sue potenzialità, e che ogni giorno che passava il suo rancore, la sua amarezza non facevano altro che aumentare. Aveva sentito parlare del recupero dell'anima, e siccome era giunto per lui il momento di un cambiamento, decise di venire da me.

Parlammo per un po', e capii che poteva trarre beneficio da un recupero dell'anima, così iniziai la  preparazione suonando il tamburo, chiamando a me i miei spiriti, per chiedere il permesso, ed il  supporto nel lavoro che ci apprestavamo a fare.

 

Il lavoro iniziò nel solito modo, ma poi improvvisamente cambiò. Mi trovai letteralmente trascinata attraverso un lungo, stretto tunnel, potevo sentire la grande forza e la potenza dell'energia che mi spingevano. Fu tutto molto rapido, ma nel contempo ero molto concentrata nel recuperare tutte le parti mancanti dell'anima di Philip. Finalmente arrivai alla fine del tunnel, e mi ritrovai a fluttuare nel vuoto. Attorno a me c'erano scintille e materia che fluttuavano, e sentivo di doverle raggruppare: non avevo mai sperimentato prima un recupero dell'anima come questo! Ho recuperato tutte le scintille e la materia, e poi guardandomi attorno, sicura di non averne dimenticata nessuna, iniziai a farmi strada lungo il tunnel per ritornare. Di solito sono molto cosciente dell'entità, dell'età delle parti perse che recupero, ma in questo caso questi pezzi sembravano non avere un'età determinabile ed avevano un che di diverso, un'energia differente.

 

Continuai, con il solito procedimento, soffiando, suonando e cantando, restituendo al corpo di  Phillip le sue meravigliose parti mancanti e poi mi concessi un po' di tempo per riflettere e radunare i miei pensieri, le mie sensazioni riguardo a quanto successo, così da poter spiegare a Phillip quale fosse il significato di questo viaggio e soprattutto cosa avesse a che fare con lui. Volevo poter portare chiarezza ed offrire uno spazio sacro in cui poter discutere, arrivare a capire insieme questo magnifico recupero dell'anima. Gli dissi che sentivo che la materia e le scintille che avevo recuperato appartenevano al momento esatto del suo concepimento, e a quell'informazione scoppiò a piangere, mi disse che aveva effettuato delle ricerche riguardo la sua forma di nanismo, e che ebbene sì, nel suo caso l’origine della disabilità era da imputare al momento del concepimento.

Continuai il lavoro di recupero dell'anima nel modo in cui ero solito fare, con comprensione e amorevolezza, ascoltando, fornendo supporto, mantenendo uno spazio sacro, mentre in Phillip si faceva strada la nuova energia che ora era finalmente tornata a casa, là dove apparteneva.

Discutemmo dei vari modi in cui potesse integrare queste nuove parti ritrovate nella sua vita quotidiana. Era così meraviglioso vederlo sorridere.

È sempre mia premura assicurarmi che le persone che vengono da me per una sessione di guarigione lascino lo studio sentendosi bene,  ben radicati e che il supporto che hanno sentito continui, in modo che non si sentano soli.

 

Quando Phillip se ne andò, realizzai, di sentimi in uno stato che potrei solo definire come “uno stato di shock”. Cos'era appena successo? Che cosa avevo fatto? Com'era potuto accadere che avessi visto “così tanto”?

Nei giorni seguenti mi sentii disorientata, meravigliata e travolta dalla potenza di quella sessione di guarigione. Mi chiesi con chi avrei potuto parlarne.

Avevo letto due libri favolosi, scritti da un medico specialista australiano che faceva parte di un team che si occupava di cure palliative. Godeva di grande considerazione tra i suoi colleghi, ed era un uomo molto spirituale. Così decisi di scrivergli, utilizzando il contatto che si trovava scritto sul retro di uno dei suoi libri. Sentivo di aver bisogno di una sorta di guida per quanto riguardava il lavoro svolto con Philip.

Circa una settimana dopo, alle 4.30 del mattino, sentii il mio apparecchio fax che stava stampando, così andai nel mio studio a controllare e vi trovai una lettera del dottore.

Nel suo scritto mi confermava che quel tipo di disabilità si verifica al momento del concepimento, ed era entusiasta di quello che ero riuscito a fare con e per Philip, mi incoraggiava a proseguire con questo tipo di lavoro, che secondo lui era un dono assolutamente prezioso e speciale. Si raccomandò che mi prendessi cura di me stessa con lo stesso amore con cui lo facevo per gli altri e che se poteva essermi di supporto in qualsiasi modo lo avrebbe fatto con grande onore. Mi disse anche di chiedere che gli spiriti potessero accompagnarmi, essere al mio fianco sempre durante la mia vita.

Così da quel momento, seguii i suoi consigli –  alcune volte non proprio quanto avrei voluto/dovuto – ma crebbi insieme al mio lavoro, sapendo che ero circondata da amore e supporto, non solo spiritualmente ma anche in altri modi.

Due mesi più tardi Philip tornò a trovarmi. Voleva farmi sapere quanto fosse cambiata la sua vita. Ora riusciva a stabilire un contatto con le persone attraverso lo sguardo – cosa che prima gli creava notevole disagio e difficoltà - sentiva di poter far parte di qualcosa, di qualsiasi cosa volesse, non si sentiva più inferiore rispetto agli altri, ma bensì allo stesso livello. Ma soprattutto ci teneva a dirmi che si divertiva un mondo coi bambini. Mi raccontò che giocavano con lui a nascondino nei supermercati o in libreria, e che non lo prendevano più in giro e non sembravano nemmeno più spaventati da lui. Questo era un aspetto di grande importanza per Philip dato che a causa della sua disabilità non poteva avere dei figli propri. Le cose erano decisamente cambiate, e lui ne traeva grande equilibrio.

 

Negli anni, continuando il lavoro di recupero dell’anima, avvertii spesso la sensazione che alcune persone lasciavano il mio studio pensando “wow che sessione pazzesca” oppure addirittura “wow che donna fantastica”.

Ma io non lo facevo con questo scopo, la sessione di guarigione è sempre a beneficio della persona che viene in cerca di guarigione e non per chi la accompagna in questo. Però questo aspetto a volte mi preoccupava, così chiesi agli spiriti, cosa potevo fare quando avvertivo quella sensazione, e loro mi suggerirono un modo in cui finire le mie sessioni di recupero dell’anima che vorrei condividere qui, con voi.

Quando la sessione giunge al termine chiedo alle persone se se la sentono di chiudere gli occhi mentre io suono il tamburo. Poi le conduco – con una semplice meditazione guidata – in un posto speciale, un posto sicuro, un posto che solamente loro conoscono. Quando sono giunti in quel luogo, gli chiedo di guardarsi attorno, ed in quel momento, introduco una alla volta, le parti d’anima che ho recuperato per loro, affinché possano vederle, sentirle, visualizzarle ritornare nel loro cuore e nella loro anima, laddove appartengono. Chiedo sempre alla persona di accogliere con piacere queste parti che ritornano, di ringraziarle per essere ritornate a casa. Ripeto questo procedimento finché tutte le parti sono state accolte. Tutto ciò è molto potente, profondo e le persone ne sono molto toccate.

Poi lascio del tempo per stare in questo loro luogo speciale, generalmente mentre io canto in modo da sostenerle delicatamente in questo spazio sacro.

Per quanto mi riguarda, trovo che questa semplice meditazione sia di grande aiuto nel concludere il lavoro. Una volta completato tutto, le invito con calma e secondo i propri tempi,  ad uscire dallo stato meditativo e a ritornare presenti nella stanza.

Di fronte a tutto ciò mi sento umile, e così onorata e privilegiata nel poter essere parte di questo processo di guarigione. 

 

 

Note sull'autrice

Cheryl Bearman Maddock pratica lavoro di guarigione da più di 40 anni. Ha lavorato per più di 10 anni con la comunità di aborigeni in Tasmania e continua ad avere con loro un rapporto speciale. Nel 1998 ha fondato l’ “Australian Centre for Shamanic Studies” , attraverso cui ha formato e collaborato con diversi studenti. Cheryl ha partecipato a  molte trasmissioni televisive e radiofoniche ed è un membro del “world Parliament for Religions and Spirituality for peace”.  Tiene costantemente delle conferenze e vive con suo marito Mike, con cui collabora nel dar vita a tamburi sciamanici fatti con legno locale e pelle di canguro,  in un piccolo cottage vicino al mare, a Dodges Ferry in Tasmania. Bearman è il cognome della nonna di Cheryl.

I contenuti pubblicati in questa pagina sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni.
È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione.
Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.

I prossimi eventi

Reclamare il potere di un sogno

(23/11/2018)

Passi Magici di Tensegrity e tecniche di Active Dreaming

>> Maggiori informazioni


La Divinazione Sciamanica

(24/11/2018 - 25/11/2018)

7° Modulo corso di Formazione biennale Sciamanesimo 2° Livello

>> Maggiori informazioni

Active Dreaming - La via del sognare attivo

Nuova disciplina sull'Arte del Sognare.

Active Dreaming è un modo di parlare e camminare nei nostri sogni

Active Dreaming è un metodo di sogno lucido sciamanico

Active Dreaming è un modo di vivere consapevole.

Unisciti ai prossimi cerchi del sogno per apprendere le tecniche di Active Dreaming. A breve, un percorso di formazione dedicato.

Leggi tutto


Social

FacebookYouTubeGoogle+LinkedIn

Il Forum

Spazio di condivisione e confronto riservato ai soci e praticanti dell'Associazione

>> Info per registrazione

Strumenti sciamanici

Tamburi in pelle naturale e sintetica per il Viaggio Sciamanico, CD, DVD ed altri strumenti utili per la pratica.

>> Maggiori informazioni

Sessioni individuali

Sessioni, trattamenti e consulenze individuali con gli operatori.

>> Maggiori informazioni

Coming soon

Corso di formazione biennale in Sciamanesimo - 9^ Edizione - 2019-2020

Inizio 16 Febbraio 2019 - Fine 28 Giugno 2020

Un percorso esperienziale di crescita personale, di trasmutazione e di guarigione, con tecniche di core-shamanism e pratiche apprese direttamente dagli operatori da sciamani, spiritisti e guaritori indigeni.

Early bird price per iscrizioni entro il 31 Dicembre 2018.

Chiusura iscrizioni 31 Gennaio 2019- Posti limitati

Maggiori informazioni

Il nuovo libro di Luciano Silva

Costellazioni familiari sciamaniche: un libro di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

I prossimi eventi

Reclamare il potere di un sogno

(23/11/2018)

Passi Magici di Tensegrity e tecniche di Active Dreaming

Maggiori informazioni


La Divinazione Sciamanica

(24/11/2018 - 25/11/2018)

7° Modulo corso di Formazione biennale Sciamanesimo 2° Livello

Maggiori informazioni

Active Dreaming - La via del sognare attivo

Nuova disciplina sull'Arte del Sognare.

Active Dreaming è un modo di parlare e camminare nei nostri sogni

Active Dreaming è un metodo di sogno lucido sciamanico

Active Dreaming è un modo di vivere consapevole.

Unisciti ai prossimi cerchi del sogno per apprendere le tecniche di Active Dreaming. A breve, un percorso di formazione dedicato.

Leggi tutto

Il forum

Spazio di condivisione e confronto riservato ai soci e praticanti dell'Associazione

Info per registrazione

FacebookYouTubeGoogle+LinkedIn

Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico - Tel 338.1838983 - Email info@ilcerchiosciamanico.it - Fax 0332.204364 - P. Iva 03109910129 - Disclaimer - Privacy Policy

Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico

Tel 338.1838983 - Fax 0332.204364

Email info@ilcerchiosciamanico.it

P. Iva 03109910129

Disclaimer

Privacy Policy

Uluru Web Design