Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questo sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su “Accetto” permettendo il loro utilizzo. Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.  

Coming soon

Corso di formazione biennale in Costellazioni Familiari Sciamaniche®

2^ Edizione - 20 Ottobre 2018 - 10 Maggio 2020

9 moduli (1 week end ogni 2/3 mesi) che offrono soluzioni uniche ai temi proposti tramite una completa integrazione delle costellazioni familiari nello sciamanesimo, arricchite con strumenti cerimoniali e rituali e i moderni approcci di risoluzione dei traumi su base corporea e di integrazione psico-somatica.

Chiusura iscrizioni 28 Settembre - Posti limitati

>> Maggiori informazioni

Il nuovo libro di Luciano Silva

Costellazioni familiari sciamaniche: un libro di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Le ultime news

La scomparsa di Doña Julia Julieta Casimiro - sacerdotessa mazateca dei funghi sacri
(24/07/2018)

CONVENZIONE PER PERNOTTAMENTI PRESSO L'HOTEL VILLA PORRO PIRELLI
(20/03/2018)

In Memoria di Michael Harner
(09/02/2018)

INAUGURATA LINEA FERROVIARIA DIRETTA LUGANO - VARESE - MILANO
(02/01/2018)

Articoli e interviste

Uno studio sul recupero dell'anima - di Cheryl Bearman Maddock
(10/09/2018)

La sfida dei "Piccoli Tiranni" - di Luciano Silva
(30/08/2018)

Le Costellazioni Familiari Sciamaniche® per la guarigione dei traumi - di Luciano Silva
(20/07/2018)

La possessione sciamanica: quando gli spiriti bussano alla tua porta - di Luciano Silva
(16/07/2018)

Letture suggerite

Sciamanesimo e Guarigione: un libro di Luciano Silva

Il potere è impersonale, è sempre lo spirito a decidere a chi far giungere il suo soffio liberatorio.


Luciano Silva, "Costellazioni Familiari Sciamaniche", Ediz. Crisalide

>> Vai alla bibliografia generale

Articoli ed interviste > La Saggezza dei Venti - di Renee Baribeau

Applicare le conoscenze antiche connettendosi con il potere del sacro vento


Questo articolo è stato pubblicato in Sacred Hoop Issue 99 2018 su gentile concessione.

Traduzione italiana a cura dell'Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico.


La prova certa che il vento e lo spirito siano sinonimi si esprime nella poesia, nelle antiche ballate, nella narrazione e nei rituali di gruppo.

Nel corso dei secoli, la tradizione orale ha rappresentato sia una forma d'arte, sia uno strumento utile per preservare la storia, la mitologia, il lignaggio e la legge, che altrimenti potrebbe essere stata dimenticata o persa. Le ballate hanno conservato storie nella canzone, e dato che la musica è ritmica e le parole sono fissate in stanze è meno probabile che vengano cambiate. I cantastorie sono stati fondamentali nel tenere in vita i venti dello spirito per millenni. Strumenti preziosi e profonde conoscenze sono state preservate e sono a nostra disposizione in questo momento cruciale della storia umana.

Una leggenda nordamericana racconta la storia di Gluscabi e l’Aquila del Vento.

Un ragazzo non poteva pescare perché il vento ululante lo distraeva, e chiese a sua nonna dove trovare la fonte di questi venti fastidiosi. Dopo una lunga camminata, raggiunse la cima della montagna, dove incontrò il colpevole, l'Aquila del Vento. Ingannò l'uccello, lo legò e infilò la creatura piumata in una fessura nelle rocce. Senza vento, l'aria si riscaldò, l'acqua ristagnò e tutto divenne coperto di fango. Dopo aver realizzato che la vita non poteva esistere senza vento, il ragazzo si propose di liberare l'Aquila del Vento.

Gluscabi si rese conto che il vento è essenziale; pulisce l'aria che respiriamo e sposta le nuvole di pioggia.

Le poesie narrative sono uno dei metodi più antichi per condividere la saggezza del vento. In India, i canti vedici, incluso il mantra Om, contengono versetti che, quando cantati, rivelano sacri segreti. Nelle Hawaii, storie sacre, chiamate mo'olelo, coltivano valori di generosità, lealtà, rispetto dei genitori e giustizia.

The Wind Gourd di La'amaomao è la storia hawaiana di Pakaa e Ku-a-Pakaa, gli assistenti personali di Keawenuiaumi, il capo delle Hawaii, e i discendenti della dea del vento La'amaomao, che porta un potente strumento che gli consente di controllare il vento. La zucca contiene le ossa della nonna di Pakaa e tutti i venti delle Hawaii.

Il viaggio di Pakaa lo obbliga a risvegliare il giusto uso del potere.

Le pratiche rituali che hanno origine nella natura forniscono un vento di continuità nell'animismo, nel politeismo e nel monoteismo. I bisbigli portati dal vento della Polonia hanno conservato i loro segreti rituali. Per secoli, i guaritori popolari si sono nascosti alla vista, come buoni vicini, assieme al rigido dogma del cristianesimo.

Nonostante la denigrazione religiosa e l'opposizione politica, queste pratiche sono rimaste intatte. L'esistenza di questi guaritori contadini è a testimonianza della natura duratura delle tradizioni legate alla terra. Prima dell'instaurarsi della religione organizzata, le persone hanno adorato gli dei della natura e le dee. Era una pratica comune offrire sacrifici a queste entità celesti in cambio di favori, ma oggi, forse l'unico sacrificio che i venti cercano da te è che tu apra il tuo cuore, mente e anima, mentre abbracci i loro messaggi di speranza. Il loro unico scopo è aiutarti a navigare in sicurezza nelle prove e tribolazioni che incontri durante il tuo viaggio attraverso la vita.

Ecco alcuni esempi di come questi antichi possono aiutarti a navigare nella vita: il collegamento con la natura; affrontare la perdita e il dolore; guarire da un crepacuore; stare nel presente; cambiare direzione; andare con il flusso; e arricchire la tua relazione personale con lo spirito.

 

CONNETTERSI CON LA NATURA

Nel mondo moderno di oggi, la dissociazione dalla natura si manifesta in depressioni, rabbia, dipendenze, isolamento, separazione, avidità e guerra.

Aprirsi al potere e alla saggezza dei venti può riconnetterci allo spirito. Dei e divinità della natura sono sopravvissute in Medio Oriente e in Occidente sino a quando le religioni monoteiste furono introdotte nel 13° e 14° secolo, dopo le quali le precedenti divinità furono abbandonate. Mentre alcune di queste divinità hanno preservato il loro ruolo sotto altre vesti – diventando santi ecc..- molte sono state sepolte nelle tombe del tempo. Prima dell’influenza delle religioni politicamente organizzate,  i venti erano parte della vita quotidiana in molte culture.

I contadini romani avevano divinità personali per ogni occasione – ad esempio, chiamavano Cardea per aprire e chiudere le porte. (Ndt.Nella mitologia romana, Cardea era la dea della salute, delle soglie e cardini della porta e delle maniglie, associata anche al vento. Il nome deriva da cardo (cardine). Ella proteggeva i bambini dai vampiri e dalle streghe, ed era anche la benefattrice degli artigiani. Il suo culto era importante nell'antica Roma, ed era venerata alla festa di Beltane in Giugno, i quali erano visti come un metaforico cardine dell'anno. Maschere, palline e figurine erano appese agli usci o agli alberi, per favorire la crescita del grano, in sua riverenza. L'albero del biancospino era consacrato a Cardea. Ovidio disse di Cardea: può aprire ciò che è chiuso; può chiudere ciò che è aperto.).

 

Il giapponese farebbe appello al respiro purificatore di Fujin (ndt. nell'immagine a lato) per liberare il sentiero. La madre del vento lettone Veja Mate fornisce nutrimento. I venti cardinali dell'Est, Sud, Ovest e Nord hanno fornito uno strumento per l'umanità per millenni, fornendo una guida spaziale per navigare sulla terra.

Non sono qui per lavorare rigorosamente a tuo nome, ma gli dei del vento e le dee ti assisteranno quando saranno chiamati. Il tuo compito è quello di camminare all’aria aperta e ascoltare i loro messaggi. I messaggi possono essere sottili come il fruscio delle foglie sugli alberi, o abbastanza fieri da attirare la tua attenzione. Venti esagerati possono distruggere lo status quo di un intero paese.

 

GUARIRE DALLA PERDITA E DAL DOLORE

Ci sono momenti nelle nostre vite in cui il dolore è insopportabile. Quando perdiamo un figlio o una persona amata, il processo di lutto richiede tempo.

Nella tribù Mapuchi del Cile, le vedove si vestono di nero per un anno intero come segno di perdita e lutto. La gente Lakota offre un wopila (Ndt: un “giveaway”, un dono) – a ringraziamento - festeggia un anno dopo che lo spirito di una persona amata prende il volo del vento dal corpo fisico.

Le persone con una profonda connessione con la terra capiscono che il dolore di guarigione è come coltivare un raccolto; ci vuole un'intera stagione o più per guarire.

Durante i giorni bui di un inverno settentrionale, soffiano venti freddi. Questo è il momento di ritirarsi - riposare, raccontare storie e stare al caldo vicino al fuoco. Nella cultura occidentale, non siamo incoraggiati a coltivare uno spazio sicuro per il dolore, la perdita o la sofferenza. Spesso, egoisticamente, cerchiamo di convincere la gente a uscire dal proprio ciclo di dolore il più presto possibile, per farci sentire meglio.

Il più grande regalo che puoi dare a qualcuno che ha perso un amore prezioso è diventare come il Dogoda - il costante vento polacco di compassione - e concedi loro quello spazio per sentire la loro perdita.

Più restate sintonizzati con la natura, più diventate consapevoli del vostro processo di dolore.Una madre che conosco, accecata dal dolore dopo aver perso la figlia, spinse tutti via con rabbia. Ha lasciato il suo amato giardino della comunità incolto, con erbacce crescenti di delusione per le sue lacrime. C'è stato un momento in cui gli amici hanno smesso di venire a condividere il loro tempo nel giardino comune e l'hanno lasciata sola a soffrire. Alla fine, si arrese al suo dolore e i venti di guarigione cominciarono a muoversi. Il suo processo di guarigione iniziò piantando piccoli contenitori di verdure nel suo patio. La natura è un persistente guaritore e amico.

Un altro amico che perse la sua compagna di vita per un cancro al seno, mandò un sms a tutti i suoi amici mentre si avvicinava alle sue prime vacanze da solo, subito dopo la morte del partner: "Sto andando all’interno, in un ritiro silenzioso". Io risposi: "Sono qui, testimone del tuo processo".

Una mia amica donna di medicina profondamente legata alla terra ha condiviso con me la sua storia di offrire il proprio dolore al vento. Il suo compagno di vita è morto durante l'inverno. Si avvolgeva e sedeva fuori nella sua ruota della medicina, lasciando che i venti la portassero nel profondo freddo, e lei ululava insieme a loro.

Mi ha detto: "Darei loro il mio dolore, la mia rabbia e il mio cuore spezzato - darei loro la mia negazione, la mia negoziazione, la mia incredulità, il mio dolore e il mio doloroso cuore spezzato. I venti mi hanno avvolto, dondolandomi ferocemente. Questo duro abbraccio mi ha schiacciato tutto il corpo, tenendomi stretto, trattenendo me nel mio corpo, nell'esperienza. Mi ha tenuto stretto duramente nel presente quando tutto ciò che volevo era fuggire ".

Questa è una testimonianza dei poteri curativi della natura e del vento.

Mentre il processo del dolore continua nel tempo, i venti dei nuovi inizi si muovono a est. Quando la luce ritorna, il dolore comincia a diminuire. Una persona con una mente sana emergerà gradualmente dalla loro oscurità e lentamente rientrerà nel flusso della vita. Mentre avanzano verso sud, i venti emotivi arriveranno e comincerà la vera purificazione emotiva, poiché le emozioni non trasformate non vengano seppellite con la persona amata. Mentre il ciclo si chiude, la perdita è intessuta nel tessuto della vita.

Il dolore ci permette di tenere il nostro genitore, amante, amico, tossicodipendente o animale finché non siamo pronti a lasciarlo andare.

Per me, le immagini di un animale domestico amato una volta scatenavano ricordi di comportamenti passati e schemi energetici. La perdita precoce di mio padre mi ha mostrato che dopo la morte, abbiamo ancora una relazione. Creo nuove storie che includono anche lui.

Uno dei miei ricordi preferiti è di visitare la sua tomba nel giorno del suo compleanno, condividendo con lui il mio successo e la mia tristezza per non aver potuto interagire con il mio sé guarito.

Ilmarinen, il dio del vento finlandese, ha perso la sua amata sposa. Bereft, decise di creare un nuovo amante, fatto di oro e argento. Tuttavia, il suoi poteri magici non sono stati in grado di dare vita a questa statua, perché era priva del potere del vento. L'oggetto aveva poco valore mondano e la sua presenza tagliava Ilmarinen come un coltello, un costante richiamo alla sua perdita.

Il crepacuore rapina le persone del momento presente. Ogni esperienza nella vita diventa importante; il processo di guarigione ci rende più saggi.

Ero un alcolizzata in fase di recupero e, dopo aver smesso di bere, ci sono voluti anni per riscoprire la gioia. Il viaggio richiedeva di ballare con l 'orso della depressione’. Per anni, sono inciampata nell'oscurità senza una torcia elettrica, finché un giorno, un insegnante saggio mi ha raccomandato uno swami che poteva guarire il mio cuore spezzato, causa della mia persistente malinconia. Alla disperata ricerca di un vento che potesse spazzare via quei giorni bui e disperati, decisi di visitare questo "santo" e dopo aver seguito la dose prescritta di mantra giornalieri, la luce della speranza si accese in me e il vento cominciò a muoversi.

Assapora ogni giorno di questo ciclo, poiché arriverà un giorno in cui ti mancheranno la depressione e la tristezza. Giorni trascorsi languendo di pietà saranno sostituiti da una vita piena e soffocata. Dovrai stabilire limiti di lavoro e cura di te stesso poiché i "time-out" diventino una scelta, non una fase da subire e superare il più presto possibile.

Il lavoro del vento aiuterà. Circa un anno dopo la shaktipa con lo swami, ho notato che non stavo più risorgendo da un luogo di dolore. Quando stai lottando con potenti forze di luce e ombra nella tua anima, potresti invocare il dio del vento vedico Vayu per aiutarti ad arrenderti. Profondi ferite lasciano cicatrici vibranti, che possono diventare tesori preziosi.

 

 

NEL MOMENTO PRESENTE

Il vento soffia sempre nel momento presente.

I nomadi del deserto dell'antica Turchia, noti come Yörük, erano credenti del vento. Di fronte a un simoom: un vento caldo, secco e carico di polvere che soffia  nel deserto - dal vento madre Yel Ana, si sarebbero coperti sotto teloni posizionati strategicamente ad  aspettare pazientemente la fine della tempesta.

È difficile rimanere concentrati quando soffia il vento del cambiamento. Malattia, morte, lavoro, perdita - e anche eventi gioiosi come la pubblicazione di libri,

parto, o amore - crea un paesaggio in continuo mutamento di sabbia mutevole.

Rimanere presenti con il processo è fondamentale quando infuria il vento, poiché la consapevolezza crea lo spazio per il cambiamento.

Le dune di sabbia possono spostare la distanza di un isolato durante una tempesta di sabbia, e in una situazione del genere, l'unico modo per ritrovare la strada di casa è entrare molto in sintonia con i segnali stradali, come la posizione del tumulo, la direzione del vento o la posizione del sole, della luna, e stelle.

Gli abitanti del deserto sanno che le dune si formano ad angoli di novanta gradi rispetto al vento prevalente, quindi se il vento soffia da est, le dune correranno da nord a sud.

Sei a conoscenza delle sottigliezze nel tuo paesaggio? La presenza ti aiuterà a navigare in sicurezza in qualsiasi tempesta. Una familiare passeggiata notturna può diventare un tuo alleato e insegnante.

Per rimanere presente, devi anche imparare a lasciar andare. Non puoi tenere il vento in mano. Questo concetto è prezioso per rinunciare alle persone, luoghi e situazioni che sfuggono al tuo controllo. Quando sono tormentato da pensieri ossessivi o agitati, immagino di metterli in una mongolfiera e di rilasciarli al vento. Questo semplice esercizio, quando ripetuto, aiuta sia me che i miei clienti a rimanere presenti. È importante rimanere concentrati su quello che c’è in ogni momento. Dopo una tempesta, potrebbe essere necessario riorganizzarsi, raccogliere detriti e persino ricostruire. Ricorda solo che puoi costruire una struttura più forte o cambiare la sua posizione, ma non puoi prevedere come sarà la tempesta successiva. La preparazione e la pianificazione sono un buon uso del tempo. Però preoccuparsi è come spazzare il patio durante una tempesta di polvere: una inutile perdita di tempo.

Una routine quotidiana è utile per rimanere presente. Come ex chef, la mia routine quotidiana prevedeva una volta di tagliare cipolle, sbucciare l'aglio e preparare il "mis-en-place" - mettere le cose a posto. L'atto stesso di cucinare mi ha tenuto presente e radicato nel mio corpo, anche quando venti fortissimi mi giravano intorno.

Trova l'unica cosa che ami fare e falla bene! Rivolgiti al vento appropriato per aiutarti a muoverti. Oyá - l'Orisha della dea del vento - è grande quando devi eliminare il tuo "sì, ma..". Questa dea del vento Yoruba taglierà le tue delusioni e ti rimette in carreggiata. Fai una pausa e rifletti quando tutto sembra muoversi troppo velocemente intorno a te. La natura ci fornisce punti di riposo nell'eternità, spazi tra cose, eventi e cicli. Questi sono luoghi di presenza.

Mentre partecipavo a una ricerca della visione per tre giorni e tre notti sulla montagna, ho sperimentato in prima persona la pausa della terra. Ci fu un momento fugace quando il tempo si fermò e il giorno si resettò. Gli dei del vento e le dee conoscono bene questo spazio nel tempo-spazio. Sila Innua è lo spirito interiore di tutte le cose per gli inuit Netsilik.

Prima di rispondere agli elementi del tempo, alla caccia o al dare un nome, un Inuit tradizionale indigeno si collega all'anima della neve, caribù o luogo, prima di intraprendere qualsiasi azione. Una volta una donna saggia mi disse: "Renee, puoi sederti sul cordolo per dieci anni e il tuo destino ti troverà".

Quindici anni dopo, mi stavo occupando dei miei affari quando squillò il telefono. La chiamata proveniva da un gestore di un centro benessere che aveva sentito parlare di me e il lavoro che avevo fatto con le persone, e mi stava telefonando per offrirmi un lavoro, che ha lanciato il mio lavoro “del destino" come allenatore dell'anima.

Mentre esplori questi venti di presenza, puoi contemporaneamente impegnarti in attività come meditazione, corsa, sci, fare giardinaggio, cucinare, tessere, colorare, cantare, camminare nei boschi, fare il diario, ecc., e restare radicato a terra.

 

UN CAMBIO DI DIREZIONE

Una volta che ti allinei con le forze della natura, ti sintonizzi con il tuo ambiente naturale.

I pastori di renne di Lapponia sono acutamente consapevoli che la sopravvivenza sulla tundra ghiacciata dipende dal prestare attenzione ai sottili indizi della natura,

soprattutto sapendo quando cambiare direzione. Quando Bieg-Olmai - lo spirito dell’Uomo Vento Sami, arriva come un forte vento contrario, la renna si ritira. La consapevolezza dei percorsi del vento ha aiutato queste persone a sopravvivere aiutandole a sapere quando modificare il loro corso.

Non è sempre nel tuo interesse precipitarsi in avanti. Le persone cambiano spesso lavoro, casa e partner, senza considerare le conseguenze delle loro azioni. Sebbene il salario possa essere migliore in un nuovo lavoro, le relazioni con i colleghi potrebbero essere peggiori. Durante i boom abitativi, ti puoi garantire una proprietà per trovarti poi alla fine bloccato senza supporto finanziario, quando l’andamento del mercato cambia e il valore della proprietà precipita. Quando un forte vento soffia su una relazione, puoi andartene per poi ritrovarti nella stessa tempesta con qualcuno di nuovo.

I primi esploratori impararono a minimizzare il rischio di viaggiare dirigendosi verso il vento dominante nei loro viaggi esplorativi esterni, garantendosi un ritorno sicuro usando la forza del vento alle loro spalle. Puoi fare lo stesso nella tua vita.

Un bambino impara prima a camminare aggrappandosi agli oggetti che ha a portata di mano. Quando un cliente è bloccato in una situazione di sconfitta e non è in grado di andare avanti, il mio suggerimento è di fare piccoli passi in qualsiasi direzione. Sarà subito evidente se il vento supporta il nostro movimento in avanti. La collaborazione con il vento ci consente di regolare, compensare e apportare correzioni di rotta, se necessario.

I marinai norvegesi del primo millennio erano esploratori che capivano i percorsi del vento. All'inizio molte navi vichinghe furono spazzate via, certo, ma dopo diversi tentativi falliti, gli esploratori impararono come lavorare con i venti e navigare in sicurezza nei mari. Forse puoi chiamare il dio norvegese Njord quando hai bisogno il potere del vento per raggiungere la tua destinazione.

Imparare a lavorare con l'energia del vento ha un senso economico e spirituale.

Poiché tutti gli elementi della vita sono interconnessi, un cambiamento nella direzione, velocità e intensità del vento influenzerà la quantità di energia spesa.

Ad esempio, andare in bicicletta in salita controvento richiede più tempo ed energia di andare in discesa con un vento costante alle spalle.

Riconoscere i movimenti del vento nella tua vita presenta delle opzioni: puoi cambiare direzione, aspettare il cambio di vento o continuare a muoverti in avanti.

Un disaccordo può portare a una discussione - che è uno spreco di energia - ma se aspetti che i venti si spostino, la tua prospettiva cambierà. Il consiglio che una volta offrii ad un cliente arrabbiato riguardo ai tempi, portò alla seguente risposta: "Renee, domani non importerà più." Precisamente.

Ci saranno sempre sorprese inaspettate e ostacoli nel percorso della tua vita. I venti mutevoli offrono indizi su come andare al di là di questi ostacoli. Mentre lavori con queste energie, impari a ritirarti, ad assumerti la responsabilità e ad andare avanti con fiducia, sapendo che il vento favorevole è alle tue spalle.

Molto prima che ci fossero case di culto, la gente raccoglieva pietre nei campi e creava cerchi sacri nella foresta. Gli dei erano ovunque e personali.

Quando ho scoperto i venti dello spirito, la mia ferita più profonda è diventata la mia più grande forza. Per la prima volta nella mia vita, indipendentemente da quello che ho affrontato, io sapevo che il vento era alle mie spalle.

Il giorno in cui ho ricevuto un prezioso contratto editoriale per il mio libro, sono caduta in una tristezza di cuore; ho avuto una preoccupazione persistente che sarei stata descritta come una falsa. Ho fatto una passeggiata - che è per me, una pratica meditativa. Mentre passeggiavo, fui abbracciata da una leggera brezza che mi sussurrò nelle orecchie: "Noi abbiamo te."

In quel momento, incorporai il vento e seppi ciò che i miei antenati conoscevano della natura. Per la prima volta nella mia vita, stabilii una relazione con un dio personale. I venti mi erano alle spalle.

Mentre cammini con i venti dello spirito, scoprirai che possono aiutarti a sviluppare una relazione organica in evoluzione naturale con le forze energetiche nella tua vita, mentre navighi in sicurezza verso il tuo porto.

Aumentare la tua conoscenza del vento può aiutarti a navigare nel cambiamento, indipendentemente dai venti che si producono. Come familiarizzi con queste forze

della natura, puoi iniziare a chiamarli per un aiuto come forze cooperanti di energia nella tua vita.

Man mano che acquisisci familiarità con la loro energia unica, puoi evocare un dio del vento o una dea di tua scelta per la guarigione. Forse ti piacerebbe chiamare la madre del vento basco, Mari, quando ti senti perso, o invitare il dio del vento Thaté a mandarti un messaggio. Perché non fare cenno a Dogoda, il dio del vento polacco della compassione per confortarti. La guarigione richiede tempo. Usa il tuo dolore per connetterti più profondamente con Madre natura.

 

 

Note sull'autrice

Renee Baribeau è una "fischiatrice del vento", una allenatrice dell'anima, una oratrice e  ispiratrice, conduttrice di seminari di crescita spirituale, conosciuta e rispettata per il suo approccio con i piedi per terra. Durante la sua vita, gli dei del vento hanno guidato il viaggio di recupero di Renee in molte direzioni. Ex chef, nel 1987 ha aperto il primo ristorante dalla fattoria alla tavola nel centro di New York, Brown Bagger's, a Syracuse.

Nel 2005, Renee ha fondato la Desert Holistic Network a Palm Desert, in California, una guida di risorse regionali online. Dal 2013, Renee ha lavorato per

Foundations Recovery Network, un sistema nazionale di strutture di trattamento residenziale. È l'autrice di "Winds of Spirit: Ancient Wisdom Tools for Navigating

Relazioni, "Salute e Divino", ed è una blogger che contribuisce in modo particolare a Elephant Journal.

Lei abita nel deserto della California, e Whidbey Island.

Desertholisticnetwork@gmail.com

Questo articolo è un estratto modificato dal libro "Winds of Spirit" di Hay House.

I contenuti pubblicati in questa pagina sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni.
È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione.
Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.

I prossimi eventi

La tigre dai denti a sciabola

(21/09/2018)

Tendere un agguato ai nostri pensieri e credenze

>> Maggiori informazioni


Cerchio Sciamanico per l'Equinozio d'Autunno

(22/09/2018)

L'equilibrio dei Cinque Elementi

>> Maggiori informazioni

Social

FacebookYouTubeGoogle+LinkedIn

Il Forum

Spazio di condivisione e confronto riservato ai soci e praticanti dell'Associazione

>> Info per registrazione

Strumenti sciamanici

Tamburi in pelle naturale e sintetica per il Viaggio Sciamanico, CD, DVD ed altri strumenti utili per la pratica.

>> Maggiori informazioni

Sessioni individuali

Sessioni, trattamenti e consulenze individuali con gli operatori.

>> Maggiori informazioni

Coming soon

Corso di formazione biennale in Costellazioni Familiari Sciamaniche®

2^ Edizione - 20 Ottobre 2018 - 10 Maggio 2020

9 moduli (1 week end ogni 2/3 mesi) che offrono soluzioni uniche ai temi proposti tramite una completa integrazione delle costellazioni familiari nello sciamanesimo, arricchite con strumenti cerimoniali e rituali e i moderni approcci di risoluzione dei traumi su base corporea e di integrazione psico-somatica.

Chiusura iscrizioni 28 Settembre - Posti limitati

Maggiori informazioni

Il nuovo libro di Luciano Silva

Costellazioni familiari sciamaniche: un libro di Luciano Silva

In questo spazio si respira un'aria diversa, risplende un'altra luce, regna un amore incondizionato e compassionevole in grado di accogliere tutto e tutti. In esso ci si apre a un nuovo futuro, a un altro futuro. In esso, riprendiamo a vivere la nostra Grande Storia.

I prossimi eventi

La tigre dai denti a sciabola

(21/09/2018)

Tendere un agguato ai nostri pensieri e credenze

Maggiori informazioni


Cerchio Sciamanico per l'Equinozio d'Autunno

(22/09/2018)

L'equilibrio dei Cinque Elementi

Maggiori informazioni

Il forum

Spazio di condivisione e confronto riservato ai soci e praticanti dell'Associazione

Info per registrazione

FacebookYouTubeGoogle+LinkedIn

Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico - Tel 338.1838983 - Email info@ilcerchiosciamanico.it - Fax 0332.204364 - P. Iva 03109910129 - Disclaimer - Privacy Policy

Associazione Culturale Il Cerchio Sciamanico

Tel 338.1838983 - Fax 0332.204364

Email info@ilcerchiosciamanico.it

P. Iva 03109910129

Disclaimer

Privacy Policy

Uluru Web Design