Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Questo sito non usa cookie di profilazione. Puoi continuare a navigare in questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccare su “Accetto” permettendo il loro utilizzo.
Per ulteriori informazioni consulta la nostra privacy policy.

Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità Articoli e interviste su sciamanesimo e tensegrità

Recuperare l'Arte del Morire - di Robert Moss

Il viaggio sciamanico e onirico a supporto della morte e del morire

23/03/2022

Articolo tratto dal blog di Robert Moss - 2 Marzo 2022 - su gentile concessione. Traduzione Associazione Il Cerchio Sciamanico

Nella maggior parte delle società umane, la preparazione alla morte e all'aldilà è una parte centrale della vita. La pratica dell'ars moriendi - l'arte di morire - non riflette alcuna preoccupazione morbosa. In realtà è un'affermazione della vita piuttosto che una negazione della vita. Conoscendo la Morte come amico, rilasci l'energia che hai investito nel tentativo di reprimere le tue paure più oscure. Quando stabilisci per te stesso - attraverso l'esperienza personale - che c'è vita dopo vita, scoprirai di avere una visione più rilassata e generosa delle vicissitudini della vita quotidiana. Quando esamini la tua vita dal punto di vista della tua morte, scoprirai sicuramente che non c'è motivo di perpetuare vecchie liti e gelosie. Vorrai mettere le cose a posto tra te e gli altri, rinunciare a meschini programmi e vivere pienamente e in modo creativo per gli anni che ti sono stati assegnati.

Nelle società occidentali postindustriali, l'abbandono dell'arte di morire ha portato alla moda pratiche spirituali tratte da altre tradizioni, come il buddismo tibetano, che offre una geografia dettagliata dell'aldilà che può essere rilevante o meno per te se sei non un buddista tibetano. La nostra generale negligenza è alimentata sia dalla paura che dalla negazione. La negazione prospera sulla nostra malattia di far tutto di fretta, sulla nostra tendenza a riempire il nostro tempo con attività compulsive ed esterne - intervallate da infusioni di intrattenimento passivo di consumo, alimentate per via endovenosa attraverso i tubi catodici della TV - che non lasciano spazio alla ricerca interiore. Riempire le nostre vite con un trambusto di responsabilità che ci lascia "senza tempo" per comunicare con l'anima è descritto beffardamente da un maestro tibetano come "la pulizia in un sogno". Sögyal Rinpoche chiede: “Qualcuno sano di mente penserebbe di ridipingere faticosamente la propria camera d'albergo ogni volta che ne prenota una?

La nostra paura della morte è legata alla nostra confusione su chi siamo. Temiamo di perdere tutti gli oggetti di scena, le connessioni e i curriculum che confondiamo con l'identità. Abbiamo il terrore di essere privati ​​del grado e del titolo, delle carte di credito e dei telefoni cellulari e di essere mandati nudi nell'altro mondo, poiché Inanna deve discendere nuda negli inferi.

La tua morte è un argomento piuttosto importante, non solo il quando e il come, ma la domanda su cosa seguirà e cosa significhi tutto questo. Su un argomento così vitale e così intimo, sarebbe sconsiderato accettare risposte sulla fiducia di altre persone. Ma come possiamo sapere prima di morire cosa c'è dall'altra parte, e conoscerlo come verità personale? In due modi: attraverso la visita di un residente dell'Altromondo le cui informazioni possono essere verificate; o con il viaggio dell'anima, facendo un viaggio personale nell'Altro Lato. Il mio libro “Conscious Dreaming” esplora le visite oniriche dei defunti. Qui voglio suggerire una varietà di tecniche con cui puoi intraprendere viaggi onirici consapevoli (ndt. viaggi sciamanici) per esplorare da solo le condizioni dell'aldilà.

Un'arte di morire adeguata ai nostri bisogni e desideri oggi deve affrontare almeno queste cinque aree chiave:

  • Esercitati nel viaggio onirico e nel viaggio oltre il corpo. Praticando la proiezione della coscienza oltre il piano fisico, risolviamo ogni dubbio personale sulla sopravvivenza dell'anima alla morte fisica.
  • Sviluppa una geografia personale dell'aldilà. Attraverso viaggi onirici consapevoli, possiamo visitare gli "ex corpi fisici" - e i loro insegnanti - nei loro stessi ambienti. Possiamo esplorare una varietà di aree di transito e centri di accoglienza, adattati alle aspettative e ai livelli di comfort di diversi tipi di persone, dove i defunti sono aiutati a adattarsi alle loro nuove circostanze. Possiamo visitare i "territori delle credenze collettive", alcuni stabiliti secoli o millenni fa, dove gli “ex corpi fisici” partecipano ad attività e pratiche religiose condivise. Possiamo esaminare i processi di revisione della vita, rieducazione e giudizio e seguire la transizione degli spiriti tra diversi stati dopo la morte. Possiamo anche studiare i diversi destini dei diversi veicoli di coscienza dopo la morte fisica.
  • Aiutare i morenti. L'applicazione delle intuizioni e delle tecniche acquisite in queste esplorazioni per aiutare i morenti attraverso quella che alcuni infermieri dell'hospice descrivono come "l'esperienza della morte prossima". In molti dei nostri ospedali (dove muoiono la maggior parte degli occidentali) la morte è considerata un fallimento, o semplicemente la perdita dei segni vitali, seguita da una spina estratta, un respiratore scollegato e lo smaltimento dei resti. Mentre recuperiamo l'arte di morire, molti di noi in tutti i ceti sociali - non solo ministri e operatori sanitari e volontari dell'hospice - potranno svolgere il ruolo di compagni sul cammino della morte, aiutando i morenti ad avvicinarsi alla prossima vita con grazia e coraggio e a vivere gli ultimi istanti di questa vita come un periodo di crescita personale. Le abilità richieste in quest'area includono la capacità di comunicare a livello dell'anima con pazienti in coma, incapaci di parlare o ragionare chiaramente o che hanno subito una grave perdita di memoria. Un aspetto vitale di questo lavoro è facilitare o mediare il contatto tra i morenti e gli aiutanti dall'altra parte - in particolare i cari defunti - che possono dare assistenza durante la transizione. Il lavoro onirico e la meditazione sono strumenti preziosi per aiutare i morenti a prepararsi per le condizioni di vita al di là del corpo.
  • Aiutare i defunti. Preghiamo per i nostri morti nelle nostre chiese e nei nostri templi e nessuna buona intenzione viene mai sprecata. Tuttavia, potresti avere difficoltà a trovare un prete disposto ad assumere il ruolo di psicopompo, o guida delle anime, e fornire un servizio di scorta personale agli spiriti dei defunti che si sono smarriti e sono rimasti bloccati tra i mondi, causando dolore e confusione a sé stessi e talvolta ai loro sopravvissuti. Eppure, i vivi hanno un ruolo cruciale da svolgere nell'aiutare a liberare gli spiriti legati alla terra o turbati. Per prima cosa, alcuni di questi "ex corpi fisici" sembrano fidarsi più delle persone che hanno un corpo fisico rispetto alle entità che non lo hanno, perché c'è conforto nel familiare, perché non credevano in un aldilà prima di morire - o semplicemente perché non sanno di essere morti. Un'arte di morire per i nostri tempi deve comprendere la capacità di dialogare con questi spiriti e aiutarli a trovare la retta via.
  • Fai della morte la tua alleata. Infine, veniamo sfidati a raggiungere il luogo delle nostre paure più profonde e a dominarle: affrontare la nostra morte sul proprio terreno e rivalutare le nostre vite e il nostro scopo da questa prospettiva. Quando siamo abbastanza "coraggiosi" per affrontare la nostra morte personale e ricevere il suo insegnamento, forgiamo un'alleanza che è una fonte di potere e guarigione in ogni aspetto della vita. Ora potremmo essere in grado di portare un senso di commedia divina che può aiutarci a resistere a qualunque cosa la vita ci procuri in un dato giorno.

 

Note

Immagine: "Storm Bird Brings Me Back" by Robert Moss


Text adapted from Dreamgates: Exploring the Worlds of Soul, Imagination and Life Beyond Death. by Robert Moss. Published by New World Library. Here you will find detailed practices and travel repots.

 

I contenuti pubblicati in questa pagina sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni. È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione. Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.




Indietro

Corso di formazione biennale in Costellazioni Familiari Sciamaniche®

Corso di formazione biennale in Costellazioni Familiari Sciamaniche®

3^ Edizione - 29 Ottobre 2022 - Aprile 2024

9 moduli, un weekend ogni 2/3 mesi

Sede Induno Olona (Varese)

Chiusura iscrizioni: 30 Settembre 2022

Early bird price entro il 31 Agosto.

Posti limitati

Per informazioni e iscrizioni

Social media

Seguici su Facebook  Seguici su Instagram  Seguici su YouTube

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti riceverai periodicamente, con cadenza mediamente quindicinale, la newsletter dell'Associazione Il Cerchio Sciamanico, con tutte le informazioni necessarie per tenerti sempre aggiornato su attività ed eventi in programma.

Iscriviti qui  >

L' Associazione è membro di:

The Foundation for Shamanic StudiesThe Society for Shamanic Practice

Il Cerchio Sciamanico

 

Associazione Culturale

Via Campagna 80/B

21056 Induno Olona (VA)

Contatti

 

Email: info@ilcerchiosciamanico.it

Tel: 338 183 89 83

Fax: 0332 204 364

Legal

 

P. Iva: 03109910129

Disclaimer

Privacy policy

Website Design